Alitalia trascina nel baratro Etihad

La ritrosia di soci e banche a fornire nuove risorse può essere fatale

Alitalia trascina nel baratro Etihad

foto LaPresse

Tre anni fa Alitalia è stata salvata da Etihad e ora è di nuovo sull’orlo del precipizio. La compagnia italiana è stata data per moribonda molte volte in passato ma questa volta potrebbe essere davvero l’ultima perché i soci non sono riusciti a mettersi d’accordo sulla ricapitalizzazione necessaria da 1,4 miliardi di euro complessivi, secondo il Sole 24 Ore, durante il cda di mercoledì scorso durato oltre sei ore. Le banche azioniste Intesa Sanpaolo e Unicredit, i maggiori istituti di credito italiani, si sono impegnati spesso in affari di sistema investendo risorse che più o meno si equivalgono ma in Alitalia sono strette in un abbraccio molto scomodo. Da quando Etihad ha comprato il 49 per cento delle azioni della nuova Alitalia nel 2014, dopo le curatele fallimentari della cordata italiana dei cosiddetti “capitani coraggiosi”, i vertici di Intesa già si dimostravano recalcitranti a mettere capitali freschi per seguire i desiderata dei compagni di avventura degli Emirati Arabi Uniti. Il nuovo amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier, mostra un’attenzione alla redditualità molto spiccata e Alitalia che non ha né una strategia per operare sul medio-lungo raggio né per diventare low cost non dà garanzie in questo senso. La situazione è insomma critica e anche se non è la prima volta presenta elementi (preoccupanti) di novità. Etihad infatti è la più giovane e di dimensioni relativamente ridotte tra le compagnie mediorientali, ha puntato sull’acquisizione di società periclitanti in Europa per estendere il suo network globale, Alitalia è stata l’operazione più impegnativa. Etihad non può andare oltre il 49 per cento perché non è concesso a un vettore extraeuropeo di controllarne uno continentale – non può mettere capitale in autonomia e dipende essenzialmente dalla disponibilità dei soci italiani a fare altrettanto per compiere la sua strategia di sviluppo. Alitalia trascina con sé Etihad.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Cako66

    Cako66

    17 Marzo 2017 - 12:12

    Guarda dove siamo arrivati negli anni per tenere in piedi Fiumicino e quello che rappresenta. Too late my friends

    Report

    Rispondi

    • m.pascucci

      17 Marzo 2017 - 19:07

      E pensate che disastro ben peggiore sarebbe stato se avessimo voluto invece tenere in piedi Malpensa!

      Report

      Rispondi

Servizi