Il dramma del liberalismo occidentale

Il liberalismo è senza armi e non può sperare che sia Putin a tirarlo fuori da guai. Perché occorre una riscossa delle classi dirigenti inermi per superare una crisi culturale. Gran libro di Edward Luce

Il dramma del liberalismo occidentale

Vladimir Putin (foto LaPresse)

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Mary_Co

    19 Marzo 2017 - 15:03

    La più grande catastrofe Putin ha definito il crollo dell'Unione Sovietica, ma non la caduta del Muro di Berlino

    Report

    Rispondi

  • crusca2382

    17 Marzo 2017 - 00:12

    Il più bell'articolo di Ferrara da molto tempo. Quello sul papa di oggi è assai peggio.

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    15 Marzo 2017 - 16:04

    Dalla brillante dissertazione si ricava il senso di inutilità del capire che liberalismo e comunismo sono le facce della stessa medaglia, della stessa realtà privata della Sua Essenza. L'invocazione delle "classi dirigenti inermi" (perché prive di autorità) è la rinnovata invocazione del nome della rosa. Luce (Edward) illumina le tenebre del medio evo post moderno.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    15 Marzo 2017 - 15:03

    FINALMENTE FERRARA RESTITUISCE IN BUONA MISURA A LIBERALISMO IL SUO SIGNIFICATO ORIGINARIO.GLI E' CHE PIU' CHE A PEZZI E' MORTO IN QUANTO SOSTITUITO DA DEMOCRAZIA ,CHE SIGNIFICA TUTTO E NULLA .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi