L’Italia e il termometro dell’inflazione

I prezzi che salgono mettono a nudo i limiti delle agende politiche

L’Italia e il termometro dell’inflazione

In Italia l’inflazione è in netta risalita anche a febbraio, dello 0,3 per cento nel mese e dell’1,5 in un anno. E’ l’aumento più alto da marzo 2013, che porta l’inflazione già acquisita nel 2017 all’uno per cento. Resta alta la componente dell’energia ma a svegliarsi (più 8,8) è il cosiddetto carrello della spesa, i beni non voluttuari, quelli alimentari. L’Italia tende ad allinearsi alla media dell’Eurozona che ha un’inflazione oramai vicina all’obiettivo del 2 per cento della Banca centrale europea per chiudere a fine dicembre con il denaro facile e i tassi sottozero, come rivelato dal Foglio – e già da aprile gli acquisti di titoli si ridurranno da 80 a 60 miliardi al mese. E’ l’inizio del cosiddetto “tapering”, un calo graduale. Fino a pochi mesi fa la preoccupazione collettiva era la “deflazione”. Ora è, si passi il termine, il suo opposto e le reazioni all’inflazione portano acqua ai loro autori: la Cgil chiede “un’adeguata politica salariale”, la Confcommercio si lamenta del potere d’acquisto, le associazioni dei consumatori sfornano calcoli al centesimo su quanto spenderà ogni famiglia.

 

Nessuno centra i due problemi veri. Primo: l’inflazione fa bene se accompagnata a una convincente crescita economica. Invece siamo all’1 per cento, ben al di sotto della metà della media europea (1,7). E questo dipende da una produttività che tra il 1995 e il 2015 è aumentata al tasso medio annuo di tre decimali, un quinto dell’Ue; mentre si sono fermati gli investimenti pubblici ma non la spesa dello stato. Anche la pur valida manifattura perde posizioni, 4 punti di pil, al contrario che in Germania. Il secondo problema è che l’avvicinarsi del tapering, i rialzi dei tassi che Mario Draghi potrebbe annunciare già in autunno, rende necessari un aggiustamento di bilancio e una successiva manovra centrata non sull’assistenzialismo ma sul recupero di riforme vere: produttività, concorrenza, privatizzazioni, tagli degli sprechi fiscali a beneficio della riduzione delle aliquote su persone e imprese. Invece: si parla di un reddito di cittadinanza che in queste forme non esiste altrove, di uscita dall’euro che renderebbe automatico il default, l’arrivo del Fondo monetario internazionale e la perdita di sovranità evocata proprio dai sovranisti; di doppia valuta, ricetta post peronista dell’Argentina di Kirchner finita in un bagno di sangue. Il risveglio rischia di essere brusco, ma non al supermercato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    01 Marzo 2017 - 08:08

    Grazie. Per continuare a dire la verità in un mondo politico di sordi, e di furbi. Il risveglio non rischia di essere brusco. Sara' brusco, e pure doloroso. Lo sanno bene anche coloro che non lo dicono. Per calcolo o viltà poco importa.

    Report

    Rispondi

Servizi