Occupazione stabile a dicembre ma cresce su base annua, dice l'Istat

L'impatto dell'invecchiamento della popolazione sul lavoro: in crescita la quota-lavoro degli over 50. Disoccupazione ferma al 12 per cento

Dati Istat occupazione

Foto Pixabay

A dicembre il tasso di occupazione è stabile al 57,3 per cento, con un aumento degli occupati tra i 25 e i 34 anni, mentre calano gli over 35. Lo certifica l'Istat, che sottolinea come a crescere sia il lavoro dipendente a termine; di contro, diminuiscono gli indipendenti. Il tasso di disoccupazione, invece, è fermo al 12 per cento. A dicembre, però, la stima dei disoccupati è in leggero aumento (più 0,3 per cento, cioè 9mila persone).

Nel trimestre ottobre-dicembre si registra una sostanziale stabilità nella stima degli occupati rispetto al periodo precedente. In crescita la quota-lavoro degli over 50, dipendenti a termine e indipendenti, mentre si registra un calo per i 15-49enni e i dipendenti a tempo indeterminato. Alla sostanziale stabilità degli occupati, comunque, fa da contraltare la crescita dei disoccupati (più 2,6 per cento, pari a 78 mila persone) e il calo delle persone inattive (meno 0,6 per cento pari a 78mila). Tasso di inattività generale stabile al 34,8 per cento, con una stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni in diminuzione a dicembre nell'ordine dello 0,1 per cento, cioè 15mila unità.

A gennaio è salita la fiducia delle imprese, dice l'Istat

Secondo l'istituto di statistica l'indice ha raggiunto i livelli dello scorso ottobre. Scende quello legato ai consumatori



Considerando la base annua, invece, nell'ultimo mese si è confermata la tendenza all'aumento del numero di occupati: più 1,1 per cento, cioè 242mila persone in più che lavorano rispetto al dicembre 2015. A costituire la quota i lavoratori dipendenti (più 266mila, di cui 111mila a tempo indeterminato e 155mila a termine), in particolare gli over 50. Nello stesso periodo aumentano i disoccupati del 4,9 per cento, pari a 144mila persone, e calano gli inattivi del 3,4 per cento, cioè 478mila.

Per la prima volta, l'Istat ha analizzato anche l'impatto dell'invecchiamento della popolazione sull'occupazione. Negli ultimi dodici mesi la performance occupazionale - stima della variazione tendenziale degli occupati al netto della componente demografica - con 293mila persone in più è stata migliore dell’andamento registrato dal numero di occupati (più 182mila), dove ha contribuito negativamente la dinamica demografica: il processo di invecchiamento della popolazione fa segnare un meno 111mila. Sul calo degli occupati nella fascia 15-49 anni (meno 168mila unità in tutto) influisce la diminuzione della popolazione di questa età, mentre al netto della dinamica demografica la performance occupazionale risulta positiva con un aumento del tasso di occupazione: in buona sostanza, più 76mila persone. Tra i 50-64enni, al contrario, la crescita demografica contribuisce ad accentuare l'aumento dell'occupazione a tempo determinato dalla sempre più ampia partecipazione al lavoro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi