È il mercato bellezza. La grande lezione di Leonardo Del Vecchio e Luxottica

Il numero uno del gruppo e la fusione con Essilor: "Non sto rinunciando all’azienda che ho creato. Anzi è l’unico modo che vedo per mantenerla forte e competitiva"

È il mercato bellezza La grande lezione di Leonardo Del Vecchio e Luxottica

Leonardo Del Vecchio (foto di archivio LaPresse)

È bastato l'annuncio. Luxottica che si fonde con la francese Essilor. Ed ecco, puntuale, il solito coro: "la Francia si prende un altro pezzo d'Italia", "non sappiamo più difendere le nostre aziende", "siamo un paese colonizzato". Succede sempre così. Poi arriva Leonardo Del Vecchio, il patron del principale gruppo italiano dell'occhialeria, il garzone diventato imprenditore. Arriva lui, con tutta la freschezza dei suoi 81 anni, a spiegare che non c'è nessun tradimento, nessuna fuga, nessuna discesa dei barbari. È semplicemente il mercato. E lui ha deciso di giocarsela fino in fondo realizzando il "sogno di una vita".

 

"I tempi maturano e anche la concorrenza evolve - spiega intervistato dal Corriere della Sera -. Chi fa parte del mercato guarda le azioni degli altri. Da un anno Luxottica aveva iniziato a investire nella produzione delle lenti e questo ha spinto Essilor a pensare con maggior profondità a un accordo che – lo sapevamo da quattro anni - era nell’interesse di entrambi. Questa volta c’era veramente la volontà di unire idee e produzioni".

 

Guai quindi a parlare di una "svendita" ai francesi. "Il nostro obiettivo - prosegue - è costituire un gruppo pienamente integrato dalla materia prima all’occhiale completo, e coprire in maniera integrata tutti i canali dal wholesale al retail fino all’e-commerce. Abbiamo quindi deciso di diluire la nostra partecipazione in un’entità molto più grande, rimanendo comunque di gran lunga il principale azionista. Abbiamo realizzato con Delfin già qualcosa di simile in passato con Fonciere des Regions e beni stabili. Il mondo di Luxottica rimarrà sempre saldamente italiano con la testa a Milano e il cuore nelle montagne bellunesi".

 

E qualora il concetto non fosse chiaro ai "difensori dell'italianità", Del Vecchio rincara la dose: "Siamo tutti europei, ma è soprattutto il mercato ad essere globale. Nelle nostre aziende entrano ogni anno tanti giovani da ogni parte del mondo, la contaminazione è ormai parte della nostra ricchezza. Penso che diventare sempre più europei prima e internazionali dopo, sia un valore immenso che ci permette di comprendere i mercati ed essere più vicini ai consumatori prendendo il meglio da tutte le culture. Non mi aspetto assolutamente contrapposizioni tra l’anima francese e l’anima italiana nelle due società, ma solo un valore aggiunto dalla loro combinazione".

 

Insomma mentre a chi "piange" per lo scippo francese, il patron di Luxottica contrappone una ricetta semplice: per rimanere centrali nel mercato non servono i recinti, ma la qualità. "Rassicuro i nostri dipendenti italiani - riprende -, anche se questa sicurezza non viene da me come azionista, ma dall’eccellenza delle nostre maestranze indispensabili nel rendere unica la nostra produzione made in Italy, sinonimo di stile artigianalità e perfezione tecnologica. È questa la miglior garanzia che resteranno centrali nelle strategie della nuova società".

 

"Non sto assolutamente rinunciando all’azienda che ho creato - conclude -. Anzi, nel lungo periodo è l’unico modo che vedo per mantenerla forte e competitiva. Dobbiamo abbandonare le paure che spesso frenano le aziende italiane ad affrontare nuove sfide e accettare come positivo il cambiamento. Non è pericoloso decidere e sbagliare, ma invece credo che possa essere fatale per qualsiasi azienda non avere il coraggio di prendere decisioni". Buon mercato a tutti!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Insider

    17 Gennaio 2017 - 16:04

    Premesso che i soldi sono suoi e ne fa quello che vuole, la vendita perché di questo si e trattato, e stata a 10% meno del valore di borsa: di solito solo le aziende in perdita si vendono a sconto. Luxottica non lo era. I centri direttivi saranno tutti fuori dall'Italia, le tasse verranno pagate in Francia, ed e stato accettato di contare significativamente meno del valore del capitale investito. L'azienda verra delistata. Non voglio commentare sul fatto che tutto questo sarebbe stato fatto per velocizzare l'operazione e null'altro. Sara che e il mercato, ma l'impressione e che abbia messo al sicuro i soldi fuori dall'Italia pagando pegno. Nella stessa intervista si assicura comunque un futuro radioso di bravi operai a tutti gli italiani. E il nostro petrolio direbbero i cinque stelle. Come diceva tempo fa un rapporto: le aziende italiane che passano all'estero non stanno male (sarebbe strano il contrario senno perché verrebbero comprate), pero gli utili vanno altrove.

    Report

    Rispondi

Servizi