La Cgil è tra i massimi utilizzatori di voucher. Razzola bene e predica male

Il sindacato non tutela né i lavoratori né le imprese corrette, e non combatte la battaglia contro il sommerso

cgil

(foto LaPresse)

Sarà vero che chi disprezza compra? Nel caso dei voucher e della Cgil, apparentemente sì. Ed è una considerazione importante per valutare il quesito referendario sull’abolizione dei buoni lavoro che, dopo la bocciatura di quello sull’articolo 18, è diventato uno dei terreni più caldi del dibattito politico. Per capire la questione, bisogna anzitutto mettere i fatti in fila. In un colloquio con Repubblica, Susanna Camusso ha dato la linea: i voucher “offendono la dignità delle persone” e “creano un precariato più insopportabile di quello che si doveva eliminare”. E ancora, un paio di giorni dopo: “I voucher sono diventati i pizzini che retribuiscono qualsiasi attività. Così si inquina il buon lavoro e si condannano milioni di giovani e lavoratori a un futuro povero. Vanno aboliti”. Subito, però, viene fuori il segreto di Pulcinella: tra i tanti utilizzatori dei voucher, c’è proprio la stessa Cgil. La Cgil un po’ minimizza, un po’ abbozza. Il segretario regionale dell’Emilia Romagna della Spi Cgil, Bruno Pizzica, dice che i voucher sono “l’unica forma” per remunerare certe prestazioni senza “cadere nel lavoro nero”.

Sul punto, il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha però confidato a Repubblica che “nell’ultimo anno la Cgil ha investito 750 mila euro in voucher; non si tratta quindi né solo di Bologna né solo di pensionati”. Il dato è rilevante perché dimostra che la Cgil appartiene al club degli utilizzatori più intensi dei voucher. Tenendo conto che sarebbero circa 600 le persone coinvolte, se ne ricava un compenso di circa 1.250 euro a testa, mentre la mediana è di poco inferiore ai 300 euro. Di più: con 75 mila buoni acquistati, l’organizzazione guidata da Camusso fa parte dello 0,2 per cento di committenti che ne acquistano più di 10 mila l’anno. Sarebbe facile e sbrigativo, ma soprattutto sbagliato, limitarsi a cogliere l’incoerenza e accusare la Cgil di predicare bene e razzolare male. La realtà è esattamente all’opposto: la Cgil razzola bene ma predica male. Razzola bene, perché utilizza (possiamo presumere senza abusarne) i buoni lavoro per prestazioni che si collocano perfettamente al di sotto dei limiti di legge (7 mila euro per lavoratore e 2 mila euro per impresa con lo stesso lavoratore). Ne fa inoltre un impiego finalizzato a coprire mansioni che altrimenti, viste le loro caratteristiche, per ragioni sia di costi sia di complessità burocratica, finirebbero per essere svolte in nero. In questo senso, la Cgil dà il buon esempio e pone se stessa come pietra di paragone nei confronti di tutte quelle imprese troppo disinvolte che abusano dei voucher (anche se gli abusi, grazie alla tracciabilità da poco introdotta, saranno sempre più difficili).

L'ipocrisia di Camusso sui voucher

Nella propaganda sono “pizzini”, nella realtà la Cgil usa i voucher per pagare i suoi dipendenti

Solo che, anziché mettersi sul piedistallo e scudisciare gli imprenditori disonesti, preferisce combattere una battaglia tutta politica per privare gli imprenditori onesti (e se stessa) di uno strumento che può e deve essere migliorato, ma non per questo dovrebbe essere gettato in pattumiera. Così facendo, la Cgil non tutela né i lavoratori né le imprese corrette, e non combatte la battaglia contro il sommerso (nella quale invece ci si aspetterebbe di vederla in prima linea). A differenza di altri sindacati, sceglie di non partecipare neppure alla discussione su come limitarne i difetti e massimizzarne i pregi. Per esempio, il leader della Fim Cisl, Marco Bentivogli, parlando con l’Unità, ha riconosciuto apertamente che i voucher “sono uno strumento buono e utile” che semmai andrebbe pienamente ricondotto nell’ambito dei lavori saltuari. Ambito per il quale, però, sono e restano un importante presidio contro il nero. La scelta a cui gli elettori si troveranno di fronte, dunque, è semplicemente questa: se regolamentare il lavoro accessorio contemperando la tutela del lavoratore con le esigenze di flessibilità delle imprese, oppure gettare la spugna e arrendersi all’illegalità. Con le sue azioni la Cgil si pone dalla parte giusta e seria, ma le sue parole la spostano dall’altro lato della barricata. Purtroppo, questo è uno di quei casi in cui le parole pesano quanto e più delle azioni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    13 Gennaio 2017 - 15:03

    Fuorviante il sottotitolo perché CGIL razzola male e predica peggio!

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Gennaio 2017 - 15:03

    Come mai tanta insistenza? Arcanum non est. Tutto ciò che possa, in qualche modo, intaccare, ridimensionare il potere di controllo e condizionamento del sindacato sul mercato del lavoro, va abolito. Di una cosa che lo danneggia, neppure ne vogliono parlare. Non se ne esce: il sindacato non può ammettere che datori di lavoro e lavoratori siano soggetti "complementari". Si capisce pure perché non possa ammetterlo: senza l'arma della conflittualità perenne e occhiuta, dovrebbero cambiare la loro originaria impostazione ideologica/politica. Non expedit. Non è un giudizio di merito, è solo la costatazione neutra dell'esistente. Tanti non saranno d'accordo, ma non cambia la realtà. Costruirsene una su misura, non aiuta ad aumentare le occasioni di lavoro. Già, sembra secondario, ma per il sindacato è fondamentale: non gli interessa aumentare le "occasioni di lavoro", i voucher lo fanno, ma aumentare i "posti di lavoro". Le occasioni sfuggono al "controllo", i "posti", no.

    Report

    Rispondi

    • mario.patrizio

      13 Gennaio 2017 - 16:04

      Caro Lupi, mi permetta di precisare, lei ha ragione quando scrive che nella visione sindacale prevale il concetto che datori di lavoro e lavoratori non sono complementari. Ma più del controllo sulle masse dei lavoratori il pregiudizio è nella lotta di classe. L'articolo dice bene quando sostiene che predicano male e razzolano bene. Ma per razzolare bene occorre la patente e il padronato ne è privo. E' questo il punto, il padronato non è soggetto che con le sue scelte, giuste o sbagliate, determina la salute dell'azienda, è nemico di classe, motivo per il quale si sono rifiutati di affrontare in decenni di mestiere il tema della cogestione.

      Report

      Rispondi

  • mario.patrizio

    13 Gennaio 2017 - 10:10

    Santo Iddio, Stagnaro. Ma la CGIL non il padrone brutto, sporco e cattivo. O no?

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    13 Gennaio 2017 - 09:09

    Nulla di nuovo, il comunismo si può fare solo con il culo degli altri.

    Report

    Rispondi

Servizi