The Donald irrompe anche a Basilea

Il rinvio delle regole bancarie dipende da Trump e le banche rifiatano

Trump irrompe anche a Basilea

Donald Trump (foto LaPresse)

Tanto tuonò che piovve. Era una notizia prevedibile, il rinvio dell’approvazione della finalizzazione delle regole di Basilea 3 (che alcuni chiamano Basilea 4, altri Basilea 3.5) che in buona sostanza avrebbero richiesto alle banche requisiti di capitale più stringenti. L’incontro tra banchieri centrali e regolatori al Comitato di Basilea sulla supervisione bancaria previsto questa domenica è stato posticipato a marzo. Il Comitato fa parte della Banca dei regolamenti internazionali, l’istituzione nata nel 1930 col ruolo di coordinamento delle principali Banche centrali che ha poi cominciato a svolgere una funzione più attiva nell’intento di attenuare gli effetti della speculazione finanziaria. La notizia del rinvio, uscita martedì, ha avuto ieri un effetto tonificante e positivo per i titoli del settore finanziario europeo.

 

Le banche italiane, particolarmente vulnerabili, sono tornate a interessare il mercato. Ci sono opionioni differenti sulla revisione più stringente dei requisiti di capitale, la valutazione del rischio e il calcolo delle attività ponderate per il rischio (Rwa), in Europa e negli Stati Uniti. Già a novembre una discussione sul punto venne rinviata. Data la diversa tipologia di attività tra banche americane e europee, Basilea 3 introduce dei requisiti innocui per le banche d’oltreoceano e pesanti (quasi mille miliardi di aumenti di capitale) per quelle europee. Altro motivo sotteso è l’attesa per l’insediamento dell’Amministrazione Trump negli Stati Uniti: il presidente ha promesso lo “smantellamento” del Dodd-Frank Act obamiano nel segno di una deregulation della finanza. Ora le banche rifiatano in Borsa, ma il Comitato non concederà molto tempo ancora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi