“La marcia francese sul deserto capitalistico”. Parla Micheli

La saga francese in Italia è lunga, non sembra un’operazione spot ma strategica

Alberto Brambilla

Email:

brambilla@ilfoglio.it

vincent bollorè

Vincent Bollorè (foto LaPresse)

Roma. Come nel film di Kurosawa, Rashômon, Francesco Micheli, 79 anni, autore della prima scalata in Piazza Affari alla Bi.Invest di Carlo Bonomi nel 1985, definito uno dei manager più coriacei della finanza italiana, analizza da diverse angolature la genesi dell’assalto di Vivendi di Vincent Bolloré a Mediaset – atto terminale della calata della corporate francese in Italia. “Come in quel delitto – dice Micheli al Foglio – ci sono interpretazioni diverse. Lo scenario tecnico può parlarci o di una...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • cortesconta53

    15 Dicembre 2016 - 15:03

    La salvezza del nostro povero Paese é la calata di stranieri (finanzieri,imprenditori,banchieri ma anche politici perché no?) che ne prendano il controllo esautorando la men che mediocre (o addirittura pessima) compagine politica attraverso il possesso delle principali leve di comando

    Report

    Rispondi

Servizi