Contro la restaurazione sulle popolari

Il consiglio di Stato dimostra che governano i magistrati, non la politica

banche popolari

La sede della Banca popolare di Bergamo

Nel clima di grande restaurazione che si respira nell’epoca post referendaria, oltre al tentativo funesto di voler rimettere mano a una riforma sacrosanta come quella su lavoro, c’è un altro obiettivo che il partito della conservazione ha messo nel mirino e quell’obiettivo oggi si chiama riforma delle banche popolari. Giovedì pomeriggio il consiglio di Stato ha depositato una dura ordinanza contro la riforma sulle banche voluta dal precedente governo. E in base ad alcuni principi ha sollevato una questione di...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi