Il piano di Bolloré per la conquista di tlc e media entro il 2022

Le manovre del finanziere bretone attorno a Mediaset, un sistema già sperimentato altre volte

Il piano di Bolloré per la conquista di tlc e media entro il 2022

Vincent Bolloré (foto LaPresse)

Milano. L’avventura nei media di Vincent Bolloré comincia nel 2004, con una telefonata ad Alain de Pouzilhac, all’epoca presidente di Havas, uno dei più potenti gruppi pubblicitari e della comunicazione. “Alain – dice il finanziere – credo che il tuo titolo sia sottovalutato: perciò ne comprerò un po’, beninteso sotto il cinque per cento”. Davvero una bella notizia per monsieur Alain e per Havas che non navigava nell’oro. Bolloré assicurava di non voler mettere il naso nella gestione. E non...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi