La trappola familiare del capitalismo

I problemi di Benetton, la strada indicata da Fiat e le eccezioni

benetton La trappola familiare del capitalismo

Luciano Benetton (foto LaPresse)

L’abbandono di Benetton Group da parte del 54enne Alessandro, figlio del fondatore Luciano a sua volta in contrasto con il fratello Gilberto, presidente della holding Edizione (che controlla in borsa Atlantia e Autogrill) è l’ennesimo capitolo di una trama che riguarda parte cospicua del capitalismo italiano, quello familiare. Ci sono gli antefatti – Pirelli, Ferrari, Pininfarina, Mondadori, Lucchini, Merloni, Rizzoli, la Gemina dei Romiti, la Parmalat dei Tanzi – e i casi recenti, il più clamoroso dei quali si chiama Agnelli: se gli eredi dell’Avvocato non si fossero affidati a Sergio Marchionne ma avessero continuato a cogestire l’azienda, la Fiat sarebbe fallita, nell’ipotesi migliore ceduta a stranieri, la produzione automobilistica italiana avrebbe continuato nel declino e nella delocalizzazione. Altri problemi toccano in misura diversa e minore Mediaset, Ferragamo, Luxottica, dove le famiglie hanno un ruolo preponderante sul management.

 

Certo non mancano esempi virtuosi, come Ferrero e Barilla, pilastri globali del made in Italy, e però non quotati. Una sola azienda, tra le maggiori di Borsa, fa eccezione, ed è Mediolanum. Mentre l’eccessiva gestione familistica è tra i motivi della scarsa crescita delle imprese medio-piccole. Non è un problema esclusivamente italiano, basti pensare agli scontri nella famiglia Bettencourt (L’Oréal) o della dinastia Porsche, proseguiti in Volkswagen. Il motivo non è soltanto la scarsa propensione a cedere la guida ai manager limitandosi a incassare le cedole: oggi c’è un fenomeno che gli anglosassoni conoscono da tempo e la vecchia Europa da meno, e cioè i fondi attivisti, o hedge fund, ai quali non rende giustizia la traduzione in “speculativi”, oltretutto con le accezioni complottiste oggi di moda.

 

La carenza di capitali rende necessario aprire le porte ai fondi, che nel 2015 hanno superato i 3 mila miliardi di dollari di patrimonio gestito investendone altrettanti. Però gli investimenti devono rendere: ed entrano in conflitto con le vecchie famiglie e gli ex salotti finanziari. E’ un capitalismo meno ossequioso ma più democratico, destinato anche a cambiare molti rituali sindacali. In definitiva è come sempre il mercato: muta continuamente e non aspetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    01 Dicembre 2016 - 10:10

    Un altra anomalia italiana, tra le tante, rispetto ai tedeschi: in Italia c.a il 75% delle aziende vede la famiglia titolare e implicata nella conduzione il 60%; in Germania addirittura, le aziende di cui sono proprietare le famiglie è dell'80% ma, al contrario delle famiglie proprietarie italiane, solo il 30% è implicato nella conduzione tutte le altre hanno management esterno. Morale della favola: a) se i discendenti non hanno talento nel gestire l'azienda è bene che vadano a divertirsi in Ferrari senza intrufolarsi nellagestione ( a detrimento, per altro, nel favorire il progresso dei talenti all'interno dell'azienda stessa.

    Report

    Rispondi

Servizi