L'annuncio di Renzi: “Decontribuzione totale per chi assume al sud”

La misura varrà soltanto per i giovani e i disoccupati e sarà totale fino a 8.060 euro per dodici mesi

Matteo Renzi

Matteo Renzi (foto LaPresse)

La misura varrà soltanto per i giovani e i disoccupati e sarà totale fino a 8.060 euro per dodici mesi

Il premier Matteo Renzi propone la decontribuzione totale per chi assume al sud. “È una scelta importantissima che abbiamo fatto per il 2017. Dicono che gli incentivi funzionano e pensano di criticarci”, ha spiegato il premier, che poi è entrato nel dettaglio del provvedimento: “Tra poco Del Conte dell'Anpal firmerà un atto molto importante da 730 milioni di euro, che sono quelli della decontribuzione per il 2017”. Il riferimento è a Maurizio Del Conte, presidente dell'Agenzia nazionale per le politiche attive del Lavoro.

 

 

Agricoltura, turismo e manifattura. C’è un Mezzogiorno che cresce

Il nuovo rapporto Svimez mostra che il 2015 è stato per il Sud un anno di svolta

Le aziende godranno della decontribuzione totale “come il primo anno del jobs act” e gli incentivi sono validi “solo per il Mezzogiorno”. Invece “chi lo fa a Firenze o Verona no”, perché dal punto di vista dell'occupazione “lì siamo già tornati ai livelli del 2008”, ha sottolineato Renzi. Da Salerno, dove è intervenuto in occasione del primo appuntamento dei Job days, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha precisato che la misura varrà soltanto per i giovani e i disoccupati. In particolare, la decontribuzione sarà totale fino a 8.060 euro per dodici mesi per gli imprenditori delle regioni meridionali che nel 2017 assumeranno a tempo indeterminato o in apprendistato giovani tra i 15 e i 24 anni. Stesso discorso per i disoccupati di più di 24 anni senza lavoro da almeno sei mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi