Perché i paesi si rivoluzionano con le riforme liberali. Il caso Irlanda

Le lezioni ai neo protezionisti dai governi che stanno riuscendo ad abbassare le tasse e ad aprirsi al mercato.
Perché i paesi si rivoluzionano con le riforme liberali. Il caso Irlanda

Anche qui, malgrado la crisi che aveva colpito il paese a seguito dello scoppio della bolla finanziaria, il governo è riuscito a resistere alle pressioni dell’Ue per aumentare quella famosa aliquota dell’imposta sulle società al 12,5 per cento: soglia che spinge le multinazionali a stabilire sedi dalle parti di Dublino. E lo scorso mese una revisione della crescita a cura dell’Ufficio Centrale di Statistica ha calcolato per il pil nel corso del 2015 una crescita mostruosa del 26,3 per cento: un boom dovuto soprattutto all’aumento del numero di aerei importati in Irlanda per attività di leasing e, appunto, all’impennata della massa di capitale delle multinazionali con sede nel paese. E sì che non era neanche iniziato quell’effetto Brexit, per cui sempre Dublino è la capitale Ue di lingua inglese più vicina a Londra. 

 

Ovviamente proprio questo affollarsi di società fa si che il pil, in cui si misura la somma dei beni e servizi finali prodotti all’interno di un paese in un dato periodo di tempo, sia forse meno affidabile del Pnl, somma dei beni e servizi prodotta dai semplici residenti del paese. Anche togliendo quel che è stato prodotto in Irlanda da imprese straniere la crescita del 2015 è stata comunque record: +17,5 per cento, con un +4,5 per cento dei consumi e un calo della disoccupazione dal 15 al 9,4, mentre dopo essere passato tra il 2007 al 2012 dal 23,9 al 123,7 per cento il debito pubblico è tornato al 75 per cento. Toccando gli oltre 300 miliardi di deduzioni, detrazioni ed esenzioni fiscali a favore di categorie privilegiate della Tax Expenditure in Italia si potrebbe fare qualcosa di simile anche senza violare il Patto di Stabilità europeo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi