La Brexit strategy italiana

Una grande opportunità: incentivare tutti i “cervelli” a tornare

Nel medio termine l’Italia deve rendersi attrattiva per ricevere pezzi di quei business che oggi sono collocati a Londra, dalle grandi organizzazioni internazionali alle banche d’affari. Potrebbero scegliere non solo Parigi o Francoforte ma anche Milano. Per fare questo dobbiamo riportare a casa i “cervelli”.
Una grande opportunità: incentivare tutti i “cervelli” a tornare

L’Italia può realizzare interventi di breve e di medio termine. Nel breve termine si può chiedere all’Unione europea – giustificandolo con le turbolenze eccezionali dei mercati post-Brexit – il permesso di fare interventi sulle banche che solo dieci giorni fa non sarebbero stati permessi per risolvere i  problemi del nostro sistema bancario che a differenza di altri non ha avuto aiuti di stato veri e propri. E’ un’opportunità. Nel medio termine invece l’Italia deve rendersi attrattiva per ricevere pezzi di quei business che oggi sono collocati a Londra, dalle grandi organizzazioni internazionali alle banche d’affari. Potrebbero scegliere non solo Parigi o Francoforte ma anche Milano. Per fare questo dobbiamo riportare a casa i “cervelli”. Abbiamo già un sistema di fiscalità agevolata per coloro i quali rientrano in Italia dopo un periodo di studio. Potremmo estenderlo ad altri professionals italiani e non che hanno lavorato all’estero per un certo numero di anni. Potrebbe essere un incentivo. E siccome una legge l’abbiamo già – ma definiamo “cervello” solo uno studente di business school e non una persona che ha lavorato in una banca d’affari, ad esempio, a Londra – dovremmo estenderla a una platea più ampia di soggetti.

 

Paolo Scaroni (Rothschild)

 

 

 

Clicca qui per leggere tutti gli altri interventi del girotondo d'opinioni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi