Perché Landini rinvia i metalmeccanici alle calende "greche"

Scoperto l'arcano: Landini non è disponibile a discutere il contratto dei metalmeccanici – che perciò sarà rinviato a metà marzo – perché sarà a Madrid con Varoufakis & Co. per resuscitare la sinistra-sinistra in Europa. Chapeau!
Perché Landini rinvia i metalmeccanici alle calende "greche"

Roma. Durante la calendarizzazione degli incontri per la trattativa sindacale sul contratto nazionale dei metalmeccanici, il segretario della Fiom-Cgil, Maurizio Landini, disse che la sua siglia era "indisponibile dal 15 al 21 febbraio perché io sono all'estero". Gli incontri consultivi, purtroppo, si dovevano chiudere entro fine febbraio e per via dell'indisponibilità di Landini si concluderanno a metà marzo. Ma cosa avrà da fare di così importante? Ora si è scoperto.

 

Il 19, il 20 e il 21 febbraio a Madrid, il sindacalista televisivo ha un impegno più importante per il suo futuro politico del – riteniamo meno significativo per lui – contratto metalmeccanico: sarà insieme all'ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis, promotore del movimento politico Democracy in Europe, per rifondare la sinistra-sinistra europea. Insomma, Landini sta costruendo un sinistro "piano b per l'Europa" giocando col "lato b" dei metalmeccanici. Ecco perché blocca per una settimana il rinnovo del contratto nazionale. Chapeau!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi