L’Europa intergovernativa è morta. Senza un processo “costituzionale” non rinascerà

“Non dichiariamo guerra, ma sulla legge di Stabilità non siamo al discount”, dice Renzi.
Detto ciò, prendere di petto Bruxelles e Berlino ha senso? Un girotondo di opinioni
L’Europa intergovernativa è morta. Senza un processo “costituzionale” non rinascerà

Così come sono, l’Unione europea e l’Eurozona non funzionano. Considerare la Germania il problema mi sembra darsi un obiettivo fuori fuoco. Dovremo indicare quale Unione desideriamo e se la maggioranza dei paesi, compresa la Germania, non intende aprire una trattativa per riformare l’architettura istituzionale necessaria, dobbiamo avere il coraggio di cambiare alleanze di politica estera, per uscire dalla grave impasse in cui il paese si trova. Per fare ciò occorre emarginare le élite culturali, economiche, politiche e burocratiche che sono convinte d’avere la virtù di conoscere meglio del popolo ciò che è bene e ciò che è male. Occorre cioè una rivoluzione per ripristinare un corretto svolgersi della democrazia. Per raggiungere questo scopo occorre ripartire da una corretta pedagogia sociale o, altrimenti, emergono  sommovimenti sociali e politici come quelli ai quali stiamo assistendo.
Per il governo, dunque, focalizzarsi su uno specifico dossier nel 2016 potrebbe essere inutile. L’urgenza che caratterizza ciascuno dei problemi indicati nasce dalle distorsioni dell’architettura europea alla quale occorre porre rimedio; farsi coinvolgere da questo approccio devia l’azione indispenabile per una revisione “costituzionale” dell’Ue. Una Banca centrale con obiettivi e strumenti simili a quelli delle principali Banche mondiali; un Parlamento dotato di poteri legislativi; una Commissione con poteri fiscali e regolamentari sotto il controllo parlamentare e le scelte di una banca centrale indipendente. In breve prendere atto che l’Europa intergovernativa è morta quando i paesi fondatori hanno deciso di accogliere gli altri senza cambiare architettura istituzionale; non prenderne atto è un anacronismo politico.

 

Paolo Savona è Economista, già ministro

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi