Fuoriuscita dal paradigma socialdemocratico, politiche dell’offerta e fine del neocorporativismo. Bene. Ma tra teoria e prassi…

Il piglio giusto su Europa e sinistra. Le troppe carenze su spesa pubblica e Pa. Addetti ai lavori a confronto sul manifesto del premier svelato dal Foglio
Fuoriuscita dal paradigma socialdemocratico, politiche dell’offerta e fine del neocorporativismo. Bene. Ma tra teoria e prassi…

Forse non l’ha detto perché lo riteneva scontato o per non esasperare un clima interno già infuocato, ma da tutta la impostazione della Renzinomics, anzi del renzismo in sé e per sé, emerge il riconoscimento che una sinistra moderna in Europa deve muovere i propri passi fuori dal paradigma socialdemocratico. Passi incerti, ma inevitabili perché quel modello è finito anch’esso con la fine del comunismo. In fondo era stato un socialdemocratico tedesco a riconoscerlo, il tanto esecrato (a sinistra) Gerhard Schröder. La socialdemocrazia nasce nella Berlino bismarckiana, si trasforma abbandonando il marxismo a Bad Godesberg, muore sotto le macerie del muro. Lo avevano riconosciuto anche Walter Veltroni e Enrico Letta, ma non ne avevano tratto le conseguenze politiche.

 

Il secondo passaggio importante è la priorità della politica dell’offerta. Non che sia ininfluente sostenere la domanda effettiva, dopo sette anni di vacche magrissime è importante, ma un nuovo ciclo di crescita a medio termine può ripartire solo rilanciando l’offerta.

 

Terzo punto che in qualche modo deriva dai primi due, è la fuoriuscita dal neocorporativismo. Anche qui solo Renzi ne ha dato un seguito concreto.

 

Sono tre svolte che danno sostanza alla retorica della rottamazione. Non sempre però Renzi è stato coerente con la sua stessa triade teorico-pratica.

 

1. Primato dell’offerta vuol dire privilegiare la produttività, quindi una politica fiscale che sostenga il lavoro e gli investimenti, si schieri con l’aumento del valore aggiunto, quindi salari e profitti, e colpisca la rendita. Invece si è privilegiato il cerchiobottismo, spargendo le scarse risorse un po’ qui un po’ là, quindi sprecandole.

 

2. La stessa energia mostrata con le confederazioni sindacali, quelle del lavoro dipendente e del capitale, non ha avuto un pendant con le corporazioni dei ceti medi produttivi e improduttivi, a cominciare dal principale blocco antiriformatore, quello dei dipendenti statali (compresi magistrati e insegnanti) e dei ceti che vivono della spesa pubblica.

 

3. Manca un intervento sullo stato sociale che individui un chiaro percorso dal welfare state alla welfare society. Un cammino lungo e pieno di trappole, ma non più rinviabile. La proposta Boeri e il continuo rimettere mani alle pensioni sono la dimostrazione che ci si muove nel vuoto, per continue prove ed errori (anche troppi). C’è bisogno di tempo e di risorse. Aver ucciso la spending review nella culla è una colpa grave. Ma c’è bisogno anche di un dibattito alto, come si suole dire a sinistra, proprio perché la crisi del modello socialdemocratico non ha prodotto alternative valide.

 

4. L’ultima contraddizione, e certo non la meno importante, riguarda il velleitario ritorno dell’intervento statale, salvataggi industriali e bancari compresi. Il fatto che molte privatizzazioni degli anni 90 siano fallite non giustifica il ritorno all'Iri o ancor peggio allo stato ospedale del ventennio ’70-’90 del secolo scorso, quello in cui è raddoppiato il debito pubblico che soffoca il potenziale economico dell’Italia, ne corrompe la vita pubblica, accentua la frattura generazionale.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi