E’ il neoliberismo, bellezza. Pardon, il neovendolismo

“L’agente economico del neoliberismo non è un soggetto ma una macchina calcolatrice che massimizza ‘mezzi’ dati rispetto a ‘fini’ dati, senza riflettere né sui ‘mezzi’, né sui ‘fini’.

“L’agente economico del neoliberismo non è un soggetto ma una macchina calcolatrice che massimizza ‘mezzi’ dati rispetto a ‘fini’ dati, senza riflettere né sui ‘mezzi’, né sui ‘fini’. Ciò ha molto a che fare con la crisi esplosa nel 2007/2008, la cui interminabile durata è di per sé un indicatore da un lato di gravità, dall’altro di inesplicabilità con le categorie usuali. Desoggettivazione individuale e collettiva, desocializzazione dell’individuo, depoliticizzazione della società hanno costituito i fondamenti della finanziarizzazione, della commodification, della denormativizzazione al centro del modello di sviluppo neoliberista deflagrato con la crisi globale e con la sua drammatica catastrofe occupazionale. Per rovesciare questi processi, mostrare che il soggetto non è solo homo oeconomicus, costruire un ‘nuovo modello di sviluppo’, la fertilizzazione reciproca tra economia, filosofia, antropologia, sociologia si rivela essenziale. Dopo la lunga fase del ‘disincanto’, di weberiana memoria, che ha sterilizzato sentimenti, passioni, valori, è possibile dare vita a un nuovo reincantamento, senza tornare ad essere vittime del costume e della tradizione, solo gravitando su soggettività, socialità, responsabilità, riarticolando da lì un discorso neoumanistico sui ‘fini’ e liberando il pathos sottostante a una nuova apertura affettiva verso il mondo”.

Laura Pennacchi, parlamentare Ds e ex responsabile Università del Pd con Walter Veltroni.

 

E’ il neoliberismo, bellezza. Pardon, il neovendolismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi