Aumentano i contratti di lavoro nel primo trimestre: + 319 mila

Dai dati Inps arrivano conferme sugli effetti positivi del jobs act. Anche i contratti a tempo indeterminato crescono: + 470,785
Aumentano i contratti di lavoro nel primo trimestre: + 319 mila

Gli effetti positivi del jobs act sono stati confermati dall'ultimo Rapporto sul precariato stilato dall'Inps. Dopo i 92 mila nuovi contratti di lavoro sottoscritti a marzo, nel primo trimestre 2015 i nuovi posti di lavoro subordinato sono saliti a 319,873. Secondo i dati forniti dall'Inps, facendo un confronto con il I trimestre 2014, si tratta di una variazione positiva di 185,656 posti: un incremento molto positivo pari al 138,3 per cento.

 

Discorso a parte per quanto riguarda i posti di lavoro 'fissi': in particolare, dalle tabelle dell'Inps, si evince che nel I trimestre i rapporti a tempo indeterminato sono stati 203.151 (sommando ai nuovi rapporti di lavoro, anche le trasformazione di contratti a termine e di apprendistato in contratti a tempo indeterminato), con una variazione assoluta rispetto al I trimestre 2014 di 95,240 posti (+88,3 per cento).

 

[**Video_box_2**]Soltanto i "nuovi" rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono stati invece 470,785 (con una variazione rispetto al I trimestre 2014 di 91,277 e cioè del 24,1 per cento). Ciò è stato possibile anche con il taglio dei contributi deciso nella legge di stabilità. Sempre dalle tabelle dell'Inps, si evince che grazie alla misura introdotta dal governo, le assunzioni a tempo indeterminato sono state 206.786, mentre le trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti a termine sono state 61,184. In totale sono 267,970.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi