Retromarcia sugli ecoreati

Approdata dal Senato alla Camera, la legge sui reati ambientali, già iper-restrittiva rispetto agli standard mondiali, è alle prese con un dilemma: cancellare emendamenti ancora più talebani e tornare a Palazzo Madama, o puntare all’approvazione “senza toccare una virgola” come chiedono Legambiente e l’associazione Libera di don Ciotti.
Retromarcia sugli ecoreati

Approdata dal Senato alla Camera, la legge sui reati ambientali, già iper-restrittiva rispetto agli standard mondiali, è alle prese con un dilemma: cancellare emendamenti ancora più talebani e tornare a Palazzo Madama, o puntare all’approvazione “senza toccare una virgola” come chiedono Legambiente – ma il fronte ambientalista non è omogeneo – e l’associazione Libera di don Ciotti, che intende rappresentare in esclusiva “la società civile”. I due movimenti hanno già baruffato con l’ex pretore d’assalto Gianfranco Amendola: il quale, più avanti di tutti nell’eco-giustizialismo, contesta la frase “chiunque abusivamente cagiona un disastro è punito con la reclusione da 5 a 15 anni”. “Abusivamente” non va bene, Amendola vuole il carcere per tutti, anche per chi inquina alla luce del sole; Legambiente e Libera sarebbero forse d’accordo sennonché “nessuno tocchi una virgola”. Ma di emendamenti il Senato ne ha approvato un altro, un siluro di Forza Italia al governatore siciliano Crocetta: proibisce la tecnologia “air gun”, il cannone ad aria compressa per mappare la crosta sottomarina, sia per individuare giacimenti di petrolio e gas sia a fini scientifici.

 

L’air gun disturberebbe i cetacei. La novità metterebbe fine tanto alle esplorazioni offshore quanto alla ricerca. Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti invita ad approvare il testo, blindato ma con l’aggiramento incorporato: “Verrà modificato in futuro”. Non male per un governo che promette regole chiare per crescita e investimenti. Federica Guidi, titolare dello Sviluppo, vuol “cambiare un paio di punti”. La Confindustria denuncia che la legge “non distingue tra dolo e colpa, tra ecomafie e incidenti”. I sindacati tacciono, divisi al solito tra le ragioni del lavoro e quelle della politica (e domani delle procure). Pure i candidati alle regionali – vedi Alessandra Moretti in Veneto – lisciano il pelo ai grillini scatenati sul web; intanto Croazia, Montenegro, Grecia e Albania trivellano in Adriatico. Per evitare di confezionare una legge che non impensierirà i criminali (i quali oggi non si occupano di trivellazioni ma soprattutto di bonifiche) paralizzando invece l’industria e la ricerca, bisognerebbe fermarsi, riflettere, ascoltare non solo don Ciotti ma anche la comunità scientifica e, perché no, le ragioni dell’economia. E’ tardi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi