La vera opposizione a Trump, la sfida Merkel-Schulz e Basquiat. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

La vera opposizione a Trump, la sfida Merkel-Schulz e Basquiat. Di cosa parlare stasera a cena

Air Power, opera di Basquiat del 1984 (Foto LaPresse)

Frase del giorno

  


 

“Scontro aperto nel Pd. Non si riesce a trovare un accordo sulla data della scissione…”

 ElleKappa

  


 

America oggi

 

Russia, Cina, Isis. Le sfide globali in agenda nel primo viaggio all’estero del neo segretario di Stato, Rex Tillerson.  

 

Pare che le agenzie di Intelligence Usa non girino tutte le informazioni disponibili a Donald Trump per paura di leaks. Non è bello…!

 

La storia dell’opposizione ad uno stato palestinese, nel giorno in cui The Donald dice al premier Netanyahu: fate voi…  

 

La verità è che oggi, il vero partito di opposizione a Trump, sono i media. Non i democratici…

 

Ah, il neo segretario al lavoro Usa si chiama Alexander Acosta.

 

Altri mondi

 

Stato dell’Unione. Un Fmi europeo e un’unica sede per il Parlamento: l’Ue prova a disegnare il futuro (speriamo!). Nel frattempo Alexis Tsipras ha detto che la Grecia andrà incontro alle nuove richieste dei creditori, ma solo se otterrà in cambio qualcosa.

Sabbie arabe. Otto donne e un bambino sono rimasti uccisi da un bombardamento durante un funerale in Yemen. Per gli Houthi è colpa di americani e sauditi. Di certo la guerra dall'alto non funziona. A Baghdad è esplosa invece un’autobomba in un’area in cui ci sono molti garage e rivendite di auto. Almeno 32 i morti e una cinquantina i feriti. E poi cosa c’è dietro la lacerazione libica: le trattative saltate tra Serraj e Haftar e la riconciliazione fallita (per ora).

Ombre russe. Dilemma russo: quanto ci guadagna Putin se Trump è considerato “l’uomo di Mosca”? Deluso dalla sortita di Trump sulla Crimea, il Cremlino prova a capire se l’affare Flynn è conveniente o no.

Passaggio in Asia. L’operazione militare contro i Rohingya è terminata. Lo ha fatto sapere l’esercito birmano dicendo che nell’intervento cominciato quattro mesi fa sono morte circa 100 persone: le Nazioni Unite parlano invece di mille morti e di 69 mila rifugiati.

Ore giapponesi. La pessima abitudine dei giapponesi di dormire pochissimo, sta costando all’economia nipponica decine e decine di miliardi di dollari l’anno.

 

Fai girare l’economia

 

Riparte l’economia e risale l’inflazione. Risultato: il Quantitative easing europeo potrebbe terminare molto presto. Aiuto!

 

In che modo i migranti in Germania stanno portando nel paese una nuova ventata di imprenditorialità.

 

I colossi della moda alla conquista del grande mercato retail indiano (ma sarà dura penetrarlo) e la velenosa battaglia per il controllo del colosso Tata.

 

La sfida dei colossi tech cinesi al monopolio innovativo di Silicon Valley e la sfida dei fondi tech europei al monopolio innovativo di Silicon Valley.

 


 

Mappa del giorno

 

Purtroppo “innovazione” non sembra più una parolina magica…

 


  

Personaggi

 

Sembra che la rivalità elettorale tra Angela Merkel e il suo sfidante socialdemocratico Martin Schulz stia rivitalizzando l’intera democrazia tedesca!

 

La triste vita di Kim Jong-nam, nascosto e poi ripudiato dal regime nord coreano. La madre morta sola a Mosca e il figlio ventiduenne.

 

Basquiat prima che diventasse famoso, cioè Basquiat…

 

Argomenti di dibattito

 

Nuova guerra fredda. Dove divergono le visioni e gli interessi di Donald Trump e Vladimir Putin, nell’analisi di Foreign Affairs.

Falsi miti. E se le diseguaglianze in realtà calassero, nonostante Piketty?

Piccolo Eliseo. Perché Marine Le Pen potrebbe davvero vincere le prossime elezioni in Francia, secondo l’Economist.  

La città dell’iper lavoro. L’ufficio non esiste più, la città intera l’ha sostituito. Nell’era dei lavoratori nomadi, ogni luogo è un luogo di lavoro, basta che ci sia il Wi-Fi.

La fine di Wenger? Perché, dopo vent’anni di Arsenal, l’epopea del tecnico francese si trascina stancamente verso un epilogo amaro, senza soddisfazioni.

Ossessioni

 

Il tassinaro. A Roma e in mezza Italia dilaga la protesta dei tassisti contro il decreto Milleproroghe: “spiana la strada a Uber…”

Belli capelli. E’ stato pubblicato su Plos uno studio realizzato sul dna di 52mila uomini, che fa luce sul ruolo svolto dai geni nella perdita dei capelli. Grazie a un’analisi delle varianti genetiche, è possibile prevedere il rischio di calvizie, anche se non in modo preciso (via Internazionale).

Cose turche. Quattro imam sono sospettati di spionaggio in Germania per conto di Ankara. Al centro della spy story l’associazione Ditib, cui aderiscono 900 moschee sul suolo tedesco, emanazione del Consiglio turco per gli affari religiosi legato a Erdogan. Il ministro della Giustizia tedesco: "Agiscono come un servizio segreto".

 

Mettetevi comodi

 

Che tempo che fa. Come gli italiani “pescano” i segreti del clima dal mare Antartico.

Googlecrazia. Il futuro dei film in modalità Realtà Virtuale, secondo Google.

Terra di mezzo. Ci sono posti dove è davvero arduo stabilire con certezza un confine tra Europa e Asia (e soprattutto farlo rispettare).

L’altra NASA. La storia dimenticata della prima scienziata donna afroamericana della NASA, in un libro appena uscito (via Rivista Studio).


 

Accadde oggi

 

Nel 1959 oggi Fidel Castro diventava premier di Cuba dopo il rovesciamento del presidente Fulgencio Batista avvenuto il primo gennaio…

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi