Corbyn, la vendetta

Una rassegna delle copertine dei principali magazine internazionali. Washington Post Magazine, New Statesman, Economist, Le Point, Time
Corbyn, la vendetta


I “first consort” dei due candidati alla presidenza degli Stati Uniti non potrebbero essere più diversi l’uno dall’altra. Ma proprio per questo l’ex presidente Bill Clinton e l’ex coniglietta di Playboy Melania Trump sono meravigliosi ritratti nella copertina doppia del magazine del Washington Post, con interviste all’interno.

 

 

 


 


Jeremy Corbyn è pronto alla vendetta. Il populistissimo leader del Partito laburista britannico sembra aver ormai superato il tentato coup della parte più moderata del partito per disarcionarlo – anche perché il suo oppositore Owen Smith, diciamo, non brilla per capacità strategiche né per chiarezza valoriale –, e adesso si prepara a colpire uno a uno i suoi nemici. Sulla copertina del New Statesman, la rappresentazione è particolarmente brutale.

 

 

 


 


Per sforzo grafico, la copertina dell’Economist di questa settimana riporta il magazine britannico ai vecchi fasti. Due immagini a specchio del continente africano formano le ali di una farfalla, a mostrare la fragilità dei governi democratici in Africa, dove dal Congo allo Zambia al Kenya il processo di transizione alla democrazia o di rafforzamento della stessa è in fase di stallo.

 

 

 

 


 


Com’è la presidenza del francese François Hollande vista dall’interno? Lo documenta un libro appena uscito, a cui il Point dedica la copertina.

 

 

 

 

 


 



I troll su internet stanno vincendo. E’ questa la teoria di Joel Stein, che spiega il suo punto di vista in un lungo articolo di copertina su Time: non è solo una questione tecnica: su internet sta vincendo la cultura dell’odio.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi