Googliamo

19 anni fa, Larry Page e Sergey Brin fondavano la Google Inc. Oggi è il sito più visitato al mondo. Pillole sul popolare motore di ricerca

Googliamo

foto LaPresse

Giusto 19 anni fa, Larry Page e Sergey Brin fondavano la Google Inc. Oggi è il sito più visitato al mondo, tanto che diverse lingue hanno sviluppato nuovi verbi a partire dal marchio, come nell’italiano “googlare” che sta per “cercare sul web”. Pillole di Enrico Cicchetti sul popolare motore di ricerca.

 

101,8 miliardi

Google è il secondo tra i marchi di maggior valore del 2017, secondo la classifica annuale di Forbes che lo valuta 101,8 miliardi di dollari. E’ il secondo anno che Google si piazza dietro Apple – capolista con 170 miliardi – ma sta riducendo il divario dal gigante di Cupertino con un guadagno del 23 per cento quest’anno dopo un salto del 26 per cento nel 2016.

 

2 trilioni

L’azienda di Mountain View non fornisce dati specifici ma sostiene di avere processato oltre 2 trilioni di ricerche nel 2016. Significa almeno 63.000 ricerche al secondo. La maggior parte di noi usa Google ogni giorno: ci sarebbero dai 500 agli 800 milioni di utenti quotidiani unici a seconda della giornata.

 

 

 

2,42 miliardi

Nel giugno 2017 la commissione per la Concorrenza dell’Ue ha imposto a Google una multa da 2,42 miliardi di euro per aver abusato della sua posizione dominante nel settore dei motori di ricerca. Avrebbe favorito il suo comparatore di prezzi “Shopping”, relegando gli altri alla quarta pagina, dove non arriva praticamente nessuno.

 

360°

Se si digita “do a barrel roll”, la pagina di ricerca girerà di 360°, se si cerca invece “tilt” e si clicca su “Mi sento fortunato” la pagina si inclinerà a destra.

 

750.000

Nel 1999 Page e Brin provarono a vendere Google per 750.000 dollari al motore di ricerca Excite. Il ceo dell’epoca, George Bell, rifiutò l’offerta. “Penso che quella presa allora, per quanto ne sapevamo, sia stata una buona decisione. Ma dirlo oggi fa ridere, suppongo”, ha dichiarato a Cnbc.

 

2.000

Mountain View ha creato oltre 2.000 doodle, speciali modifiche temporanee del suo logo in homepage. All’inizio celebravano le festività più diffuse, oggi rappresentano molti eventi e anniversari, dalla nascita di Audrey Hepburn alla grande eclissi americana. L’idea è nata nel 1998, quando i fondatori volevano comunicare la loro partecipazione al festival Burning Man nel deserto del Nevada. Oggi la creazione dei doodle è compito di un team di illustratori di talento e ingegneri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi