L’estinzione dell’Italia

Facciamo finta di nulla, ma nel 2016 il numero di bimbi non nati ha raggiunto le dimensioni di una città come Monza. Perché l’Italia non fa più figli? E perché la crisi demografica è anche una crisi democratica? La peste bianca: inchiesta sul futuro di un paese senza più pannolini

L’estinzione dell’Italia

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    20 Marzo 2017 - 23:11

    Non facciamo figli: una tragedia, prima esistenziale, poi demografica. Arrivano gli Alieni da Saturno, studiano la situazione e concludono: “Età media troppo elevata, 44,5 anni, la maggiore di tutta Europa, media mondiale 28 anni- Gli italiani vivono a lungo, fanno pochi figli. Per abbassare la media e ringiovanire e rinvigorire la specie ci sono solo due possibilità: moltiplicare i neonati o eliminare gli ultra settantacinque. Poiché, oltre a non far neonati impediamo a più di centomila bambini all'anno. di nascere, per i Saturniani non resta che la seconda opzione. Eh sì, matematicamente non fa una grinza.

    Report

    Rispondi

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    20 Marzo 2017 - 20:08

    Neppure Massimo Taparelli marchese d'Azeglio – al quale è attribuita la famosa: “fatta l’italia bisogna fare gli italiani” – avrebbe potuto immaginare che, a quasi due secoli di distanza dall’ epopea risorgimentale, gli italiani “da fare” si sarebbero, addirittura…. estinti. Che se i tedeschi non avessero analogo problema (chè la questione demografica è questione di tutta la vecchia Europa) verrebbe da ringraziare il geniale Klemens Venzel principe di Metternich, che riconosceva alla nascente Italia-a-tavolino (almeno) la dignità di una “espressione geografica”: per un paese che, a detta dei demografi, come “espressione biologica” è in via di estinzione, teniamoci stretta almeno quella. La cartina, intendo.

    Report

    Rispondi

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    20 Marzo 2017 - 20:08

    Neppure Massimo Taparelli marchese d'Azeglio – al quale è attribuita la famosa: “fatta l’italia bisogna fare gli italiani” – avrebbe potuto immaginare che, a quasi due secoli di distanza dall’ epopea risorgimentale, gli italiani “da fare” si sarebbero, addirittura…. estinti. Che se i tedeschi non avessero analogo problema (chè la questione demografica è questione di tutta la vecchia Europa) verrebbe da ringraziare il geniale Klemens Venzel principe di Metternich, che riconosceva alla nascente Italia-a-tavolino (almeno) la dignità di una “espressione geografica”: per un paese che, a detta dei demografi, come “espressione biologica” è in via di estinzione, teniamoci stretta almeno quella. La cartina, intendo.

    Report

    Rispondi

Servizi