L’Italia torna a crescere demograficamente

Record di 170 mila migranti arrivati nel 2016. A quale prezzo?

immigrati

Un gruppo di immigrati sulle coste italiane(foto LaPresse)

Forse siamo stati distratti, anche giustamente, dalla campagna referendaria. Forse lo danno come un fenomeno scontato, naturale oltre che giusto. Ma c’è un numero, diffuso alcuni giorni fa dal Viminale, di cui nessuno parla più. Nel 2016 sono arrivati in Italia 168.542 migranti e si profila come l’anno record per il numero degli arrivi. Finora è stato registrato il 17,28 per cento di arrivi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e il 4,41 per cento rispetto allo stesso periodo di due anni fa. Siamo a un passo dal raggiungimento (e probabile superamento) di quel 170.100 che ha fatto del 2014 l’anno record per gli sbarchi in Italia. E l’Unione europea se ne disinteressa altamente, visto che Bruxelles avrebbe dovuto sgravare l’Italia attraverso 40 mila ricollocamenti, ma in realtà ne ha smistati la miseria di 1.318. Soltanto questi sono siriani, mentre gli altri sono semplici migranti economici, che non hanno alcun diritto a ottenere la protezione internazionale.

Il balzello demografico

Si rafforza l’idea che la denatalità è una minaccia per l’economia

L’immigrazione sta intanto già sopperendo al drammatico calo demografico dell’Italia e non solo. Secondo le proiezioni demografiche effettuate da Eurostat nel 2013, senza i migranti, la popolazione europea si ridurrebbe da 507,3 milioni nel 2015 a 399 milioni nel 2080. Paese per paese, le cifre sembrano ancora più terrificanti. Entro il 2080, la Germania passerebbe da 80 milioni di persone a cinquanta milioni. La Spagna da 46,4 milioni scenderebbe a trenta milioni. In Italia si passerebbe da sessanta milioni a 39 milioni. L’immigrazione di massa, non solo incontrollata ma neppure criticabile in quanto tabù ideologico, ci consentirà forse di sopravvivere demograficamente. Ma a che prezzo?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    08 Dicembre 2016 - 12:12

    "Sopravvivere":anche nel senso demografico è inacettabile; l'unico senso della sopravvivenza è alla morte.

    Report

    Rispondi

Servizi