Dal re Sole a Fitzgerald il romanzo delle feste senza felicita'

Vi guadagna, in fama e commerci, chi le organizza. Chi vi partecipa ha funzione ancillare. Nei grandi libri dell’Ottocento, e oltre, c’è sempre almeno un ballo in cui ci si rovina, ci si annoia, si fanno cose sbagliatissime

Dal re Sole a Fitzgerald il romanzo delle feste senza felicita'

"Al ballo", dipinto di Léopold Schmutzler (1864-1941), collezione privata

Di feste si può morire in senso proprio, come dimostrano gli ospiti di Eliogabalo soffocati da una nuvola di rose, Giovanni Borgia trafitto all’uscita del ricevimento di mamma Vannozza Cattanei in suo onore e la cronaca spicciola dei rave di oggi, ma anche in senso figurato, ed è la triste storia del ballo improvvisato da Madonna poche sere fa in Salento e subito coperto dal vituperio dei social che ormai nulla sembrano perdonarle, nemmeno una pizzica in piazza. D’accordo, c’è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi