"Europa nella barbarie"

“Islamisti più forti degli angeli di Manchester”. Parla Nazir-Ali. “Non sappiamo perché la civiltà è attaccata”

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

Concerto di beneficenza One Love Manchester

Il concerto di beneficenza One Love Manchester (foto LaPresse)

Roma. 23 mila islamici radicali in Inghilterra, 15 mila in Francia, 19 mila in Belgio (metà solo a Molenbeek) e 10 mila in Germania. Sono i numeri nelle Terror watch list ufficiali dei quattro paesi europei più colpiti dal terrorismo islamico. Un esercito di 66 mila islamisti sul suolo europeo. Il primo a denunciare che nei fortini del multiculturalismo britannico stava crescendo un’armata di fanatici antioccidentali fu un vescovo anglicano, Michael Nazir-Ali, il più giovane della storia della chiesa d’Inghilterra....

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    06 Giugno 2017 - 22:10

    La verità è riconoscere la realtà. E la realtà nuda e cruda è che un musulmano, oggi, pur essendo perfino cittadino inglese o europeo o americano di seconda o terza generazione, è talmente compenetrato in quel suo credo e imbevuto di quell'ideologia teototalitarista da farsi esplodere pur di uccidere quanti più "diversi dai musulmani" possibile. Peraltro "se non sai mentire non sei un buon musulmano" si dicono fra loro, il che ci autorizza a ritenere che potenzialmente e all'occorrenza il miliardo e mezzo di musulmani che è nel mondo diventi un miliardo e mezzo di militanti jihadisti scatenati ad uccidere gli altri cinque miliardi di uomini e donne non musulmani. Contrastarli? Fermarli? Renderli inoffensivi? Con le armi impossibile. Quale "credo" opporre e proporre allora, altrettanto anzi più convincente dell'Islam?

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    06 Giugno 2017 - 19:07

    Riconosciamolo: La verita' non e' che gli Jihadisti sono sfigati violenti, mentre invece l'Islam e' religione non violenta e di pace. E' vero il contrario! l'Islam (come TUTTE le religioni) ha elementi di violenza almeno quanti ne ha di pace, e gli Jihadisti (come i crociati) agiscono per un IDEALE DI BENE (nella loro testa) al quale sacrificano l'intera propria esistenza. LE ALTRE RELIGIONI, CRISTIANESIMO incluso, ci sono passate, ma sono progredite, ed entrate nell'era moderna. ORA tocca all'ISLAM: LA RIFORMA! che passi dalla lettura non filtrata di testi antichi e simbolici a quella MATURA, INTERPRETATA, compatibile col mondo di OGGI. Ci sono passate tutte le religioni prima. Solo capendo che questo e' il fronte della guerra mondiale, cioe' la riforma di una religione di quasi due miliardi di persone, potremo sperare di vincerla (rispettando i MUSULMANI CHE CI STANNO GIA PROVANDO, morendo trucidati da "apostati" come noi da "infedeli". ACCETTAZIONE e COMPRENSIONE del PROBLEMA VERO.

    Report

    Rispondi

Servizi