Il grande exploit della bellezza coattivamente civile

Al teatro dell'Opera di Roma va in scena da oggi l'"Andrea Chénier" diretto da Marco Bellocchio

Il grande exploit della bellezza coattivamente civile

Eugène Delacroix - La liberté guidant le peuple

A una ganza che gli piaceva un casino, Andrea Chénier, quello vero, scrisse: “Sono le tue belle natiche che m’hanno fatto fare questi graziosi versi”. Il Chenier lirico, immortalato nel 1896 da Umberto Giordano, figlio degenere (a vantaggio della bellezza) del verismo italiano, e dal suo librettista Luigi Illica – quello de La Boheme, per dirne una – era molto più morigerato. Da stasera, al Teatro dell’Opera di Roma, Marco Bellocchio riporta sul palco questo capolavoro di sovversivi contro rivoluzionari...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi