Il funerale del free speech a Berkeley

La polizia del pensiero dei campus è armata. Il caso di Ann Coulter

Il funerale del free speech a Berkeley

Ann Coulter (foto LaPresse)

“Che cosa fanno, mi arrestano?”, si domanda Ann Coulter nel confermare che terrà ugualmente il discorso che l’Università di Berkeley ha cancellato per “ragioni di sicurezza”. Sarebbe bello se fosse una domanda retorica. Dopo aver visto scene da guerriglia urbana per impedire agli sgraditi conservatori di parlare nel campus dove Mario Savio e gli altri hanno infiammato il movimento per il “free speech”, dopo che gli studenti hanno aggredito il sociologo 74enne Charles Murray in Vermont, dopo che Heather MacDonald...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi