La nostra barbarie

“La mania transgender è il segno della decadenza occidentale”. Il nuovo libro di Camille Paglia

La nostra barbarie

foto LaPresse

Roma. Il North Carolina è stato oggetto di un anno di intenso boicottaggio economico, fino a quando non ha ceduto e ritirato la controversa legge sui bagni transgender. Nel weekend, l’Unione nazionale degli insegnanti in Inghilterra ha chiesto al governo di “esporre” i bambini fin dai due anni alle teorie transgender. E’ nata a New York la prima “bambola trans”. Le università americane sono in preda all’isteria sul corretto uso dei pronomi per non offendere i trans. E persino il...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    20 Aprile 2017 - 16:04

    e l'altro commento molto interessante dal punto di vista storico e antropologico?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    20 Aprile 2017 - 13:01

    presto detto : " tifaccio..." è per l'antico costume . " Ammazza che..." è per via che ricconissimi romani ( tempo di Petronio Arbitro -Trimalcione &C) rimorchiavano un robusto giovanotto a scopo sodomitico e siccome era abbastanza avanti con l'età dopo una vita dissoluta con le donne e poi in morte lasciavano le loro ricchezze al giovanotto. Ecco spiegato l'ossimoro nel linguaggio romanesco che in fondo è rimasto cambiando linguaggio nei contenuti quello latino.

    Report

    Rispondi

Servizi