Il Sudafrica vuole bandire Shakespeare dalle scuole. Molto meglio i poeti zulù

Da Yale a Londra l'obiettivo è "decolonizzare la cultura occidentale" simbolo di una civiltà maledetta, imperialista, dominatrice, che aliena i suoi figli e sfrutta le sue minoranze

Il Sudafrica vuole bandire Shakespeare dalle scuole. Molto meglio i poeti zulù

Un ritratto di William Shakespeare

Roma. La cultura occidentale sembra essere diventata velenosa come la cicuta. La nuova parola d’ordine per guarirla è “decolonizzare”. Il multiculturalismo, con il suo odio per “l’uomo bianco, maschio, europeo, morto”, e un afrocentrismo che ricalca l’eurocentrismo di un tempo, rovesciandolo, ha trasformato la cultura occidentale nel simbolo di una civiltà maledetta, destinata a scomparire, malata e infame a un tempo, ricca fino alla sazietà, imperialista, dominatrice, insolente, inquinante, che aliena i suoi figli e sfrutta le sue minoranze. Da qui l’idea di imporre una quarantena ideologica sulla cultura occidentale.

 

Il Sudafrica, scrive il Times di Londra, si appresta così a eliminare lo studio di William Shakespeare dal curriculum scolastico. Il ministro dell’Istruzione, Angie Motshekga, ha detto che sostituirà il Bardo con i poeti africani. “La considerazione delle opere di Shakespeare è un aspetto del processo di complessiva revisione della letteratura”, ha detto Motshekga in risposta a un’interrogazione parlamentare. Vasto programma.

 

La “decolonizzazione” della cultura occidentale è nata a Londra. L’unione degli studenti della Soas, la prestigiosa Scuola di studi orientali della capitale inglese, hanno appena chiesto di rimuovere dal curriculum Platone, Kant, Cartesio, Hegel e altri nomi da poco della cultura occidentale, in quanto sono tutti bianchi, quindi esponenti del colonialismo che andrebbe subito espulso dalle istituzioni accademiche. “Se è proprio necessario dover studiare filosofi bianchi, ebbene si insegni agli studenti a guardare ai loro lavori in maniera critica e magari rapportare i loro studi alla loro posizione sul colonialismo”, recita la mozione in discussione all’università londinese.

 

Lo scorso maggio, due filosofi scrissero per il New York Times un editoriale sposando l’idea: “Se la filosofia non si diversifica, chiamiamola per nome”. All’Università di Yale, il corpo studentesco ha lanciato una petizione per chiedere al dipartimento di Letteratura di “decolonizzare” il corso di studi, eliminando Chaucer, Shakespeare e Milton, dicendo che “è inaccettabile che a Yale si studino soltanto autori maschi e bianchi”. Scende Alexander Pope e sale Stefani Germanotta, alias Lady Gaga, su cui adesso si tengono corsi accademici importanti.

 

L’Università di Stanford ha invece rigettato la richiesta di un gruppo studentesco di mantenere il corso di “cultura occidentale”. Ancora nel 1970, dieci dei cinquanta college principali d’America avevano un corso obbligatorio di “civiltà occidentale”, mentre 31 di loro offrivano il corso agli studenti se avessero voluto sceglierlo.

 

Oggi, secondo un rapporto dal titolo “The Vanishing West” della National Association of Teachers, nessuna università americana offre più simili corsi. Soltanto quattro delle 52 principali università d’America continuano invece a offrire Shakespeare nel curriculum. In Inghilterra, l’Università di Oxford, sopravvissuta all’abbattimento della statua di Cecil Rhodes, ha annunciato di aver iniziato una “revisione” dei suoi corsi di studi per includere maggiore “diversità”. Si tratta di ridurre o eliminare i “Racconti di Canterbury”, così bianchi e così cristiani, per fare posto alla poesia zulù.

“Shakespeare era razzista?”, si chiede un articolo pubblicato sul sito web delle edizioni di Oxford a firma di Gary Taylor, direttore del New Oxford Shakespeare, che pubblica l’opera omnia del Bardo. Come ha scritto Pascal Bruckner nel “Singhiozzo dell’uomo bianco”, “una scorza di zen, due pizzichi di taoismo, una fettina d’impero inca, un po’ di ‘Libro dei Morti tibetano’, due cucchiaiate di socialismo tanzaniano, una bella tazza di rivoluzione culturale cinese, una fetta di sciismo iraniano, fate bollire pian piano, e la pozione della salvezza magica è pronta”. Non è forse più saporita dello stantio canone occidentale?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    31 Marzo 2017 - 16:04

    Toh, chi si rivede: la Nazione con la sua cultura nazionale. Una inarrestabile marea che monta ovunque. Ai corifei dell'internazional/multiculturalismo resta però, per ora, un rifugio accogliente sulle italiche sponde. Quei luoghi benedetti da Dio, in cui, sempre in ritardo di vent'anni sui tempi ci ostiniamo a guardare al passato come fosse il futuro. L'onere dell'essere unici.

    Report

    Rispondi

  • info

    31 Marzo 2017 - 15:03

    Non ricordate più negli anni ottanta i mal di pancia delle belle, brave e buone anime europee e americane per liberare il Sud Africa dai cattivoni boeri? Adesso vi scandalizzate che finita la vendetta (quanti boeri sono stati fatti fuori? quante proprietà sono state confiscate?) vogliono cancellare la nostra cultura? Non solo a casa loro. Anche a casa nostra, accostando Achebe a Shakespeare. E un giorno legiferare che il padre della lingua è Achebe non Shakespeare. Sapere Aude.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    31 Marzo 2017 - 14:02

    Shakespeare chi? ma checcefrega.Anzi è proprio una roba pesante datata . Dù caciotte !Vuoi mettere le risate con gli spettacoli di Dario Fo o farsi cullare dalle ballate di Bob Dylan ? il premio Nobel per la letteratura è stato assegnato a loro ,se fosse stato in concorso William non avrebbe cuccato un bel nulla non avendo sponsor politici di sinistra . Stessa fine di Ezra Pound un criminale nazifascista e invece Nobel a Neruda gran communistone .Gli svedesi che hanno dato il Nobel della pace in anticipo a uno che si rivelerà un un guerrafondaio non è poi che ci stanno molto con la testa , anzi sono farlocchi o meglio sono 'leggere' espressione genovese più dispregiativa e oserei dire intellettuale e chic

    Report

    Rispondi

  • Alessandra

    31 Marzo 2017 - 09:09

    senza tanto andare in Africa, un'insegnante di liceo classico di mia conoscenza, per mesi ha dato da leggere ai ragazzi solo libri di autori somali o nigeriani con l'unica eccezione degli articoli di Massimo Gramellini e di una direttora (?) di una ONG che si occupa di migranti.

    Report

    Rispondi

    • gianni.rapetti

      31 Marzo 2017 - 13:01

      Quell'insegnante sta lavorando per l'integrazione. La nostra.

      Report

      Rispondi

      • Alessandra

        31 Marzo 2017 - 14:02

        Pare che l'esimia insegnante seguisse, con particolare entusiasmo, indicazioni del ministero dell'istruzione sul progressivo istupidimento dei ragazzi ormai destinati al sacrificio intellettuale e civile sull'altare del pol corr (ovvie le quotidiane reprimende sul "cretino" Trump) . In ogni caso, dopo gli autori ugandesi o bantu al posto dei bianchi occidentali, al classico saranno ammessi solo autori greci e latini di provata sodomia o almeno di manifesta ambiguità.

        Report

        Rispondi

        • Skybolt

          31 Marzo 2017 - 16:04

          Magari! Almeno leggerebbero Catullo, Anacreonte, Saffo...... anche Giulio Cesare, toh. Fosse quello il problema.

          Report

          Rispondi

Servizi