Il nichilista dell’opera

Donizetti, da una vita di gioie e di lutti il genio nel sorriso o nella tragedia. “Maria Stuarda” a Roma

Il nichilista dell’opera

Marina Rebeka e Carmela Remigio in un momento della “Maria Stuarda” in scena in questi giorni all’Opera di Roma

Urge una nuova biografia di Donizetti, dopo quella dottissima dell’americano William Ashbrook apparsa più di trent’anni fa in due volumi (Edt 1986). I tempi sembrano propizi. A Roma, al Teatro dell’Opera, va in scena Maria Stuarda, tragedia lirica in due atti del 1834 su libretto di Giuseppe Bardari, con la direzione di Paolo Arrivabeni, la regia di Andrea De Rosa, che ha già messo in scena la tragedia ispiratrice di Schiller, e due stelle del belcanto come Marina Rebeka e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    27 Marzo 2017 - 21:09

    Uno scritto da incorniciare, suscita pensieri più forti e più soavi. Ma è alieno alla cultura di massa.

    Report

    Rispondi

Servizi