Ciccioni, chiattoni di tutti i paesi non vergognatevi

La dileggiata da Vincenzo De Luca dovrebbe riflettere. Essere bene in carne è attributo quasi divino, e i grassi spesso ne hanno capita una più degli altri

Valeria Ciarambino

Valeria Ciarambino, la consigliera del M5s chiamata "chiattona" da Vincenzo De Luca (LaPresse)

Avrei voluto di nuovo sparlare di Trump l’impostore, quello che mantiene le promesse, ma non ne vale la pena. Si sta cuocendo da solo nel fuoco vivo della sua ricerca di gloria televisiva, e con lui sono a bollire i pavidi repubblicani americani, la Le Pen, che si è dovuta rifugiare a Mosca per avere una photo-opportunity, ché alla Trump Tower gli inservienti le hanno soltanto servito un penoso caffè, e Salvini che travestito da turista, gli viene bene, ha scroccato una fotina da uno che non sapeva nemmeno chi era, il capo della Lega. Varrà la pena quando qualcuno farà la fatica, io non sono faticone, di mettere insieme tutte le sciocchezze che sul fenomeno sono state scritte dagli intellettuali europei e da politici di riporto: allora, in epoca spero di impeachment o di anestesia del soggettone, sarà divertente stroncare il vastissimo partito trasversale dei cretini alla ricerca di motivazioni sociologiche pensose per giustificare questo tremendo incidente stradale.

Oggi è politicamente più opportuno chiattare (proto, ho scritto chiattare di proposito!). Dicono che chiattona è un insulto. Ma io sono e mi dico chiattone, grasso, obeso, ciccione, pingue, e certe cose hanno smesso di farmi soffrire, almeno in età matura, e la dileggiata di Vincenzo De Luca, detta da lui chiattona, dovrebbe riflettere. Fortuna intelligenza talento non stanno nel punto vita, ma nel giro di testa e per i sentimentali nel cuore. Essere bene in carne è attributo quasi divino, la divina pinguedine del Buddha, e i cristiani si vantano da sempre di aver trasformato il cuore di pietra dei pagani in un cuore di carne. A un recente pranzetto politico parigino, per me molto istruttivo, ho detto che temo Marine contro Emmanuel nell’ultimo dibattito telé perché lui è disincarnato e lei è charnelle. Mi hanno spiegato che in francese charnelle è inevitabilmente un’allusione alla sessualità, all’erotismo. A volte l’italiano batte il sublime francese due a uno, per noi la sfumatura del materialismo e della sensualità politica c’è. Ma è raro che in fatto di nuance siamo noi a prevalere. E comunque charnelle, un altro modo di dire chiattona, è un complimento ispirato al principio di piacere anche in francese. Non si deve per alcuna ragione rinunciare alla versatilità carnale, appunto, della lingua che altrimenti si trasforma in segaligno, in lingua di legno, in segatura.

Chissenefrega se il modello corrente è il fisico dell’atleta, lo è sempre stato ed è per lo più sinonimo di gioventù, o della modella. Io per esempio se vedo Andrea Ferreol o Jeanne Moreau le riconosco nelle loro abbondanze, chi più chi meno, Kate Moss non saprei distinguerla tra tante. “Chiattino”, avrebbe dovuto rispondere la chiattona a De Luca, perché anche lui è in forma ma non manca di ciambelle. Tutto ma non la denuncia di un insulto. Dov’è l’insulto? Si dirà, è nell’intenzione. Ma quella, salvo per i banalotti che danno su Twitter di ciccione a @ferrarailgrasso, e sono tanti specie tra i magrissimi 5stellati, è da presumere sempre intenzione bonaria. D’altra parte mi hanno sempre dato di craxiano quando dicevo a tute lettere che mi piaceva Craxi. Le risorse dell’immaginazione non sono infinite. Quando un’amica mi fa il suo complimento preferito, ah! come sei dimagrito, un po’ mi offendo. Come si permette, sono cose che si pensano dei malati e non si dovrebbero mai dire, tanto meno come complimento.

Ho una notizia per moderni e postmoderni. I grassi, i chiattoni, scrivono (Balzac), recitano e dirigono opere immortali (Welles, Laughton), guidano popoli in guerra fino alla vittoria (Churchill), spesso ne hanno capita una più degli altri, la loro estroversità è oraziana, una poetica della rinuncia e della malinconia messa al servizio della migliore conversazione e dell’amicizia. Ciccioni, chiattoni di tutti i paesi, non vergognatevi. Avete da perdere le vostre calorie e i vostri lipidi, ed è un bel perdere. Non esagerate, certo, muovetevi, siate anche ascetici quando è necessario, ma portate come un segnacolo in vessillo, non come una bandiera a mezz’asta, la vostra chiattaggine. Denunciate lo stolto che vi fa insultati e quando potete rispondete come il nobile siciliano a chi gli dava di puppo: barone mi disse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    26 Marzo 2017 - 18:06

    I chiattoni non hanno limiti e confini e nessun motivo di vergognarsi. Kim Jong-un, florido, abbondante, con generosi cuscinetti lipidici ben distribuiti, è l’esempio del chiattone più potente del mondo. Sono ancora in curiosa attesa, però, di vedere un’esplosione planetaria di “diete per ingrassare” che bilancino, almeno un po’, la miriade di quelle “per dimagrire”. Quando si dice: la cultura di massa.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    26 Marzo 2017 - 16:04

    eppure secondo me e conoscendo la infinita serie di battute maligne di Vincenzo definire una grillesca ( neologismo) chiattona è stato un insulto gentile

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    26 Marzo 2017 - 16:04

    Ciccioni, chiattoni: chi se ne frega. A me mancava Vincenzo De Luca. Ora è tornato.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    26 Marzo 2017 - 09:09

    Caro Ferrara perchè accostare la sublime chiattoneria dei Balzac (e dei Ferrara) alla chiattoneria terra terra a cinque stelle? By the way, l' "impostore" appare sotto schiaffo, gongoli pure ma permetta a me di dispiacermi per le conseguenze sul futuro di un Occidente definitivamente corretto.

    Report

    Rispondi

    • lupimor@gmail.com

      lupimor

      26 Marzo 2017 - 18:06

      Già, anche nel peso e nel look. Però, se accadrà sarà perché ci siamo "chiattonati" i neuroni. Li abbiamo ingozzati a dismisura di "politicamente corretto", di "onestà"e "sottomissione" In questo senso i "chiattomi" sembrano la maggioranza,

      Report

      Rispondi

Servizi