Quali segni guardare per capire che dopo Grillo verrà il golpe giudiziario

Un profetico romanzo di fantapolitica del 1993

Quali segni guardare per capire che dopo Grillo verrà il golpe giudiziario

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Dal “Pendolo di Foucault”, capitolo 30, pagina 161: “Lo incatenano nell’isola di Patmos e il poveretto incomincia ad aver le traveggole, vede le cavallette sulla spalliera del letto, fate tacere quelle trombe, da dove viene tutto questo sangue… E gli altri a dire che beve, che è l’arteriosclerosi… E se fosse andata davvero così?”. L’apostolo Giovanni sarebbe dunque uno di quei tipi strambi che non mancano mai in un buon thriller fantapolitico, l’ubriacone paranoico con la testa piena di congetture che vive in una stamberga tappezzata di ritagli di giornale, fotografie, appunti scarabocchiati, frecce che connettono tutto con tutto secondo leggi imperscrutabili di causalità. Se fossimo in un film, però, il finale sarebbe facile da prevedere: una mattina tutti si svegliano al suono delle trombe dell’Apocalisse e capiscono che il pazzo aveva ragione. Bene, tenete presente questa premessa quando mi ritroverete con la barba sfatta, tra portacenere traboccanti e lattine di birra accartocciate, ai piedi di una grande bacheca di sughero. Sotto la scritta a pennarello “Segni dei Tempi 1992-2017” noterete alcuni foglietti strani.

 

Primo, un ritaglio dal Corriere della Sera del 1 maggio 1994 con la nota intervista golpista al procuratore Borrelli: “Dovrebbe accadere un cataclisma per cui resta solo in piedi il Presidente della Repubblica che, come supremo tutore, chiama a raccolta gli uomini della legge. E soltanto in quel caso potremmo rispondere con un servizio di complemento”. Il cataclisma non è mai stato così vicino, fratelli! Secondo documento, di alcuni mesi prima. Da una lettera dello stesso Borrelli a Matteo Montan, allora giornalista della Gazzetta di Parma e autore del racconto fantapolitico “Golpe Di Pietro”, pubblicato nella primavera del 1993: “Ho dato una rapida scorsa al suo racconto che trovo brillantissimo e divertente e che con ogni probabilità è il veicolo più certo per tramandare ai secoli venturi i nostri poveri nomi”. Nella fantasia di Montan, l’operazione Piazza Pulita porta i magistrati al governo. All’alba del 30 maggio 1993 si avvistano oscuri segni nel cielo: un aereo decolla da Milano, uno da Palermo, uno da Napoli. Come cavalieri dell’Apocalisse, i magistrati del pool di Borrelli e le avanguardie dell’antimafia giudiziaria planano sul Quirinale, dove ricevono l’incarico dal Presidente (Davigo sarà ministro della Difesa). I vertici delle forze armate, accusati di aver intascato mazzette miliardarie, finiscono in carcere. Altre indagini decapitano i servizi segreti. Resta solo in piedi la magistratura.

 

C’è poi un terzo documento, una copertina dell’Espresso del marzo 1992, pochi giorni dopo l’arresto di Mario Chiesa. Si vede Beppe Grillo urlante accanto al titolo “Non ci resta che l’insulto”. Occhiello: “Le tangenti di Milano, gli effetti sul voto, la rabbia”. Frecce a pennarello tracciate da una mano instabile convergono su un ultimo ritaglio, l’unico non ingiallito, dal Foglio del 4 gennaio 2017. Una frase del fratello weimariano Massimo Bordin è circondata da punti esclamativi da paranoico: “Difficilmente sarà Grillo il vero pericolo per la democrazia. I regimi autoritari si insediano conquistando il consenso con l’efficienza. (…) Bisogna preoccuparsi di quello che verrà dopo costoro”. Già, chi verrà dopo Grillo, quando tutto sarà sfasciato? Quale Secondo avvento annuncia la sua voce sbraitante nel deserto? A questo proposito, sulla mia bacheca di sughero troverete appuntata anche una frase del visionario di Patmos, quello che vedeva le cavallette. Dal vangelo di Giovanni, capitolo 1, versetto 15: “Colui che viene dopo di me mi è passato avanti, perché era prima di me”. Coloro che vengono dopo Grillo erano prima di Grillo. Erano lì ad aspettare dal 1992. Chiamatemi quando vi sveglieranno le trombe del Giudizio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    04 Marzo 2017 - 11:11

    Divertente come racconto, angosciante come profezia. Il problema e' che Vitiello ha sempre dimostrato non soltanto di saper scrivere benissimo, ma soprattutto di saper leggere ancor meglio. Anche il futuro? Per quel che conta sono purtroppo portato a pensare di si.

    Report

    Rispondi

Servizi