Il problema della valutazione in Italia è nella sua contraddizione di fondo

Lo stato intende la scuola come ente preposto sia alla formazione di cittadini, la cui diversità dev’essere temperata nell’eguaglianza, sia a premiare i meritevoli e sottoporre i pigri a del lavoro suppletivo

Il problema della valutazione in Italia è nella sua contraddizione di fondo

(foto LaPresse)

La riforma dell’Esame di stato, a partire dal prossimo anno scolastico, fa gridare allo scandalo: ogni allievo verrà ammesso all’esame non più in assenza di insufficienze bensì con la media del 6 calcolata su tutte le materie, condotta compresa. E’ un compromesso al ribasso, che consente di andare alla deriva nelle materie in cui si fa fatica cercando di riequilibrare la situazione in quelle per cui si è più portati. Questa retromarcia, se applicata saggiamente nei fatti, può tuttavia diventare il volano di un ripensamento del sistema di valutazione, a cominciare proprio dall’ultimo anno di scuola: non è un mistero infatti che le percentuali di non ammissione alla maturità siano infime, attorno al 5 per cento, a riprova che lo spettro di un’umiliante non ammissione spinge i docenti a gonfiare i voti negativi fino a che non raggiungano la soglia del 6. In questo modo si garantisce a diciannove studenti su venti di non avere insufficienze, mentre nei precedenti anni di corso uno studente su quattro ne ha qualcuna da recuperare; ciò consente dunque alla quasi totalità degli iscritti di poter affrontare un esame che la scorsa estate è stato superato dal 99,5 per cento dei candidati.

Dalla Buona Scuola alla Scuola Buona

Insegnanti a un passo da casa e 6 politico. Così nessuno protesta

Cifre del genere dimostrano che la maturità popola gli incubi senza motivo. Caduto invece il vincolo della sufficienza, nulla vieta che i docenti si sentano più liberi di alzare l’asticella e divenire più avari nei voti, di modo tale da piazzare qualche insufficienza in più senza sentirsi responsabili della mancata ammissione di un determinato alunno, magari fatalmente negato per quella singola materia ma portato per altre. Tutto ciò, in linea teorica. E’ innegabile che la tendenza sia di segno opposto, come dimostra la discussione in Consiglio dei ministri attorno all’opportunità di proibire la bocciatura alle elementari, conservata ma pro forma: sia perché il ministro Fedeli l’ha espressamente limitata a “casi eccezionali e comprovati” (cioè mai, in una nazione dal ricorso facile), sia perché da un quarto di secolo è scomparsa nei fatti. Più che far polemica spiccia col terrorismo sui traumi infantili o con le geremiadi sulla scuola per ignoranti, urge rimontare al senso stesso della valutazione, dove si annida un peccato originale: la contraddizione fra inclusione e gerarchia, fra giustizia commutativa e giustizia retributiva. Lo stato intende la scuola come ente preposto sia alla formazione di cittadini, la cui diversità dev’essere temperata nell’eguaglianza, sia a premiare i meritevoli e sottoporre i pigri a del lavoro suppletivo. Il voto è un sindacabile numeretto che resta dilaniato fra questi bisogni opposti, distinguere il grano dal loglio e certificare che in fin dei conti anche il loglio ha i suoi pregi. Finché lo stato non uscirà da questa contraddizione, in Italia la valutazione sarà sempre un problema. Non a caso l’innovativa scuola senza voti che aprirà a settembre a Torino è un istituto privato: perché, non avendo il dovere etico di usare la valutazione come bastone e come carota, può permettersi di farne a meno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    29 Gennaio 2017 - 14:02

    Avanti così, peggiorando ulteriormente la qualità di studenti già saldamente avvitati agli ultimi posti nelle statistiche internazionali sulla preparazione scolastica. Poi però si aspettino che questi somari legalizzati recepiscano solo i ragli, oggi a 5 stelle domani chissà.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    29 Gennaio 2017 - 09:09

    Beh, la ministra Fedeli (nominata per meriti sindacali e dotata di titolo di studio infimo) non è forse la più idonea a risolvere questo problema?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    29 Gennaio 2017 - 08:08

    E dunque continueremo ad avere studenti poco preparati tranne qualche eccezione la cui valutazione sarà appiattita su quella del ...branco. Mentre in altri stati si cerca di fra venir fuori e incoraggiare i giovani con spiccate capacità da noi si privilegia il grigio valore medio. Così l'imput che viene istillato nella mente dei giovani è quello di uniformarsi, di non emergere perchè essere più bravi non è democratico, è addirittura discriminatorio. Nel frattempo la preparazione dei nostri studenti viene considerata a livello internazionale sempre peggio, molto vicina a quella di paesi del terzo mondo. Ma quando si cita questo argomento nei dibattiti spunta fuori la solita giustificazione secondo cui i sistemi di valutazione internazionali non sono adatti a valutare gli studenti italiani per cui non bisogna prenderli in considerazione. Per fortuna ...siamo fortunati che di giovani in gamba ne abbiamo e questi quando arrivano all'Università il loro valore lo esprimono. Poi se ne vanno.

    Report

    Rispondi

Servizi