Il regime digitale è democratico. Sono gli algoritmi che devono essere chiari

Oggi prevale un regime meno strutturato e più selvatico che rende immediato (disintermediazione) il raccordo tra l’origine della conoscenza e la platea dei potenziali destinatari

Il regime digitale è democratico. Sono gli algoritmi che devono essere chiari

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    09 Gennaio 2017 - 22:10

    Ma scusate: perché mai dovrebbe essere permesso l'anonimato proprio nel campo pubblicistico, mentre in tutti gli altri campi del sociale compresa la distribuzione di marmellate e carta igienica sono obbligatori anzi di più: eticamente imprescindibili riconoscibilità, origine, filiera, identificabilità, ecc? Classica situazione in cui chi deve rispettare delle regole, come un direttore responsabile, è perseguibile per il capriccio di un magistrato, mentre un povero stronzo che si inventa e distribuisce una relazione tra vaccini e autismo può evitare di firmarsi, identificarsi, citare le fonti, ecc (oltre a evadere imposte sul reddito che produce eventualmente con la raccolta pubblicitaria). Il web non è più da tempo un giardinetto chiuso per lo svago innocente di pochi.

    Report

    Rispondi

Servizi