Meglio Onfray del vostro fesso nulla

In “Décadence” l’intellò che va di moda a Parigi arriva in ritardo di anni su Huntington e Paolo Prodi. Ma scopre, pur con molti buchi culturali, il fondo del problema: lo scontro di religioni, la fine dell’uomo occidentale

Meglio Onfray del vostro fesso nulla

Michel Onfray

E’ un ideologo. Lo dicono erudito. Lo mettono in prima pagina. Ma qui con gli intellos si usa così. Si chiama Michel Onfray. Vive sobriamente a Caen, in Normandia, ma Parigi è invaghita di lui, lo trova un’alternativa a Bernard-Henry Lévy e a Alain Finkielkraut. Ha fondato una università popolare di successo. E’ stato dai salesiani, che lo hanno maltrattato, lui dice. Ha perso la fede. E’ diventato ateo, cosa in sé grottesca per chi non sia Spinoza, è anche anticristiano, banale conformismo. Ha scoperto buon ultimo, a un secolo da Spengler e a dieci anni da Paolo Prodi, che l’uomo occidentale, con la sua civiltà giudeocristiana, è finito o sta per finire. Non ha l’anticipo di Nietzsche e Spengler, e la loro cupa vivacità letteraria, né la raffinatezza di Paolo Prodi, lo storico italiano appena scomparso che aveva definito in “Homo europaeus” la norma unidimensionale nata in sostituzione del sacro e del diritto canonico, la norma-dogma del politicamente corretto che ci obbliga al relativismo filosofico e morale. E’ audace, perché ha scritto della morte del giudeocristianesimo in un libro di 600 pagine che in Francia promette furore. Si intitola “Décadence”, sulla scia di Houellebeq.

 

Onfray è imprudente e sommario, perché dà la colpa a san Paolo e a san Tommaso, a Eusebio di Cesarea storico della tarda antichità e consigliere dell’imperatore Costantino il Grande, quello di In Hoc Signo Vinces, e non risparmia sant’Anselmo, il monaco geniale che deduceva Dio come da un sillogismo mistico. Superficiale e oltraggiosamente giornalistico, Onfray però si è accorto, senza dare giudizi di valore perché si considera uno scienziato puro del pensiero, che sono vere le cose dette da Leo Strauss, pensatore e filosofo ebraico del secolo scorso, da Joseph Ratzinger, il più colossale teologo e Papa del Novecento, e perfino da Samuel Huntington, il sociologo americano dello scontro di civiltà. Vent’anni fa quest’ultimo, scrive Onfray, “ha diagnosticato: la fine degli stati che non controllano più la moneta, le idee, la tecnologia, la circolazione delle idee e delle persone; il declino dell’autorità dei governi; l’esplosione e la sparizione di certi stati; l’intensificazione dei conflitti tribali, etnici e religiosi; l’emergenza di mafie criminali internazionali; la circolazione planetaria di decine di milioni di rifugiati; la proliferazione degli armamenti; l’espansione del terrorismo; le pulizie etniche; il paradigma politico rimpiazzato dal paradigma caotico”.

 

Gli imbecilli hanno continuato a guardare lui, il dito, mentre indicava la luna. Ben detto, no? Ne ha anche per il Vaticano II e per il ’68, il filosofo che si porta molto e che si dice né di destra né di sinistra. Affetta da inguaribile relativismo morale e teorico, tutti seguono l’Io e le sue voglie, bene e male sono chimere senza senso, la nostra società nata dalla fiction cristiana e dalla sua alleanza con il potere romano, è destinata a perdere la partita con l’islam, “religione virile, guerriera, conquistatrice, potente, forte di soldati pronti a morire per essa”. Islam e cristianesimo: “Due forze, due spiritualità, due culture, due civiltà che esistono opponendosi l’una all’altra”. La predica non valoriale, dice lui, è tuttavia severa sebbene non nuovissima: il sintomo della malattia occidentale è “il nichilismo, tutto vale tutto, niente vale alcunché, un egocentrismo forsennato… il dominio delle passioni tristi… il trionfo della negatività… la sadiana prosperità del vizio e infelicità della virtù”.

 

L’interessante è che l’idea di una identità infelice, mutuata da Finkielkraut e altri, si combina con la polemica antireligiosa e con un’idea di decadenza che, come in Houellebeq, non è rimpianto, nostalgia, considerazione di valore, è mera constatazione, autopsia di una civiltà, nevrosi non curata. Ci vuol altro, ovviamente, e perfino l’erudito Onfray dovrebbe studiare di più e leggere meglio, possibilmente non i giornali. Ma siccome per capire il senso della corrente è sempre opportuno dare uno sguardo alla direzione che prendono i detriti portati dal fiume, Onfray, brava persona e intellos a quaranta carati, pur dicendo un mare di fesserie va nella direzione giusta. Ancora uno sforzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    08 Gennaio 2017 - 00:12

    Dalle caverne ai trapianti d'organo, sempre in compagnia delle disuguaglianze e imperfezioni e percorsi circolari. Ogni epoca coi suoi ego ipertrofici, i suoi geni, i suoi eroi e i suoi assassini. i suoi santi e i suoi diavoli. Questo il meraviglioso, stupendo, in ogni senso, il percorso dell'uomo sulla terra. Ogni volta che si tenta di cambiarlo, naturale, logico, comprensibile, il percorso allenta un po' il morso, ci fa sbizzarrire più o meno a lungo, poi lo ristringe e, ci fa pure male. Ma il meraviglioso dell'uomo è che non può rinunciare a provarci ancora. Ogni volta imbroglia le carte, il "percorso" sembra abbocchi, ma poi ha sempre l'ultima parola. Ovvio, "il percorso" è l'uomo.

    Report

    Rispondi

  • efis.loi

    07 Gennaio 2017 - 20:08

    Difficile non fermarsi al dito quando la "luna" non c'è più. Per dirne una: siamo o non siamo all'Apocalisse? Se intendiamo per Apocalisse la fine del mondo, non sarà questa come il Diluvio Universale? Di portata maggiore magari e senza acqua. Anche l'Acqua però, come la Luna, rappresenta la Dea Madre, rappresenta il Sacro. La promessa fu che non avrebbe più usato l'acqua e qualcuno si salvò. Chi verrà meno con questo po' po' di Apocalisse? E' chiaro, la civiltà giudaico-cristiana, lo (ri)dice Onfray, e tutto il mondo occidentale guarda il dito. Ecco perché, memore di Noè, il filosofo, auspica l'accordo coll'Islam. Non dimentichiamo che Quel Tale del diluvio se lo son preso anche loro e lo chiamano il Misericordioso. Mica male per un ateo.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    07 Gennaio 2017 - 19:07

    Che impatto avrà l'anticristianismo di Onfray sulla definitiva consacrazione di una democrazia totalitaria che trova nella laicité il suo fondamento ideologico? Inoltre: mi vien male solo a pensarci alla sua traduzione in italiano (alla Lilli Gruber, per intenderci).

    Report

    Rispondi

Servizi