Sangue, sudore e lacrime. Le parole d’ordine che vogliamo per MasterChef 6

Debutta stasera la sesta edizione dello show culinario targato Sky. Il copione è il solito, ed è bene che così sia

Mahatma
Sangue, sudore e lacrime. Le parole d’ordine che vogliamo per MasterChef 6

I quattro severissimi giudici di MasterChef 6 (LaPresse)

Sangue, sudore e lacrime. E tante polemiche. A noi beghini di MasterChef questo interessa, non di certo i discorsi pur interessanti ed encomiabili sul "valore del cibo" e la filosofia "Zero Sprechi". Vogliamo vedere, sadici quali siamo, la sofferenza dietro le padelle, le scottature infilando timballi nel forno a 200 gradi, anulari messi in pericolo dagli affilati coltelli con cui si tenta di disossare un'anatra delle Alpi Cozie. Siamo sicuri che ci sarà anche questo nell'edizione sesta che stasera debutterà con gran pompa e ci terrà incollati ogni giovedì (SkyUno ore 21.15) a una liturgia parasacra e sempre uguale a se stessa nei suoi momenti fondamentali, e cioè prima la Mystery Box, quindi l’Invention Test, la Prova in esterna (quest’anno per ben due volte all’estero, in Spagna e in Grecia) e infine il terribile Pressure Test che determina chi se ne deve andare per manifesta incapacità.

 

Certo, Joe Bastianich – che tutto sa essendo il programma registrato da mesi, compreso il vincitore che come da copione sarà spoilerato ventiquattr’ore prima della finalissima – dice, e lo avete visto nel nostro video di presentazione – che ci sarà più divertimento e meno lacrime. Nelle ultime edizioni, va detto, i momenti dolciastri e ricolmi di pianti sono stati tanti, forse troppi, al punto che sovente non si comprendeva se fosse un estratto di C’è posta per te (quando certe figlie di Siracusa riescono a trovare il padre mai visto che nel frattempo si era trasferito a Stoccarda e mettendo su un’altra famiglia) o la gara culinaria per eccellenza. Aida – vincitrice morale dell'anno scorso per capacità indiscussa, mentre la vincitrice vera, tale Erica, non s'è più vista né sentita – ne è stata l'esempio: lagrime e ancora lagrime a innaffiare le sue zuppe in barattolo, pure eccelse secondo il verdetto dei quattro confermati giudici (cambiarono idea solo per la finale, demolendo ogni creazione della giovane piemontese).

 

Torna Masterchef Italia: “Più divertimento e meno lacrime”. 

Siamo andati alla conferenza stampa per la sesta edizione che inizierà giovedì. Parlano i quattro giudici

 

Si parte oggi con la solita grande eliminazione: da 150 aspiranti chef – tra cui cuochi da sagra e studenti dell’alberghiero – ne rimarranno 100, e così via fino a costituire la brigata poco allegra di MasterChef 6. Vogliamo vedere piatti che volano, Cracco che infierisce, Barbieri che parla di mappazzoni immangiabili e Cannavacciuolo che sfotte malamente dilettanti che si credono Gualtiero Marchesi e pensando di fare gli chic propongono polpette di pollo crude o brodaglie che non si darebbero in pasto neanche ai maiali. Noi vogliamo le Marzie farmaciste e le Lucie sindacaliste, ossia quel mix sublime di sana e più o meno lucida follia e acidità. Vogliamo i momenti da film horror con il terribile Iginio Massari – a proposito, abbiamo visto due puntate del suo nuovo programma di cucina: regia fantastica, scrittura eccelsa ma oltre alla storia della sua vita vorremmo godere di qualche creazione di pasticceria – a umiliare madri di famiglia colpevoli di fare il Pan di Spagna non “come Dio comanda” bensì ad minchiam. Che la messa abbia inizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi