La sinistra anti scienza

Bias di conferma e politicamente corretto. Così i progressisti, più dei conservatori, frenano il progresso

La sinistra anti scienza

Foto tratta dal profilo Flick della NASA

Roma. “La vera guerra alla scienza”, così s’intitola un lungo saggio firmato da John Tierney, giornalista del New York Times, per la rivista di politiche urbanistiche City Journal. Sottotitolo: “La Sinistra ha fatto molto più della Destra per frenare il progresso”. Quella di Tierney è una lettera aperta a tanti suoi colleghi e lettori che gli chiedono perché, da giornalista scientifico, egli sembri dedicare sempre più impegno a confutare gli errori dei progressisti che non quelli dei reazionari. “Ai miei amici non piace la risposta che do loro: ‘Perché non ci sarebbe molto da scrivere’”. Ricorda per esempio il caso di uno dei presidenti americani più criticati dalla comunità scientifica, quel repubblicano di George W. Bush che all’inizio degli anni 2000 bloccò i fondi federali per la ricerca sulle cellule staminali embrionali: “Difficile dire che ciò abbia fermato la ricerca in materia”. E i creazionisti? Ci sono, “ma non hanno mai influenzato il lavoro di biologi e antropologi dediti allo studio dell’evoluzione”. L’elettore di destra è più stupido o ignorante? La stupidità è equamente distribuita tra tutti i colori politici, replica Tierney, e alcuni sondaggi dimostrano addirittura che gli elettori repubblicani, specie quelli di tendenza libertaria, sono più scientificamente preparati dei democratici. Piuttosto “due enormi minacce alla scienza sono peculiari della sinistra, e stanno peggiorando”.

La scienza verifica ipotesi falsificabili, non sperimenta superstizioni

Caso “biodinamica”: le pressioni politiche e le responsabilità dell’università, il malinteso pluralismo scientifico e la libertà di ricerca minacciata. Così nascono i nuovi casi Stamina.

La prima minaccia che arriva da sinistra alla scienza – scrive Tierney – è “il bias di conferma”, cioè la tendenza di tanti a cercare e accettare soltanto quelle informazioni che confermano le loro credenze e i propri pregiudizi. Oltre che da studi empirici su individui liberal, ciò è dimostrato dal fatto che mentre “gli scienziati tentano di evitare il bias di conferma sottoponendo il loro lavoro alla revisione dei propri pari e di critici che hanno punti di vista differenti”, in realtà “è sempre più difficile per i liberal trovare questi critici. Gli accademici hanno tradizionalmente una visione tendente a sinistra, e molti settori sono ormai caratterizzati da una monocultura, specie nelle scienze sociali, dove i democratici oggi superano il numero di repubblicani con un rapporto di 8 a 1”. Altro che peer review, ragiona Tierney, questo stato di cose favorisce una patologia chiamata “groupthink”, o pensiero di gruppo, oppure alimenta posizioni estremistiche. La coesione ideologica, come ha scritto Jonathan Haidt, psicologo della New York University, può essere utile, ma è “l’ultima cosa che dovrebbe esistere nel campo del sapere. Il progressivismo e specialmente l’anti razzismo sono diventati una religione fondamentalista, con annesse leggi anti blasfemia”. Così, negli ultimi 50 anni, sono stati bollati come intollerabili seri studi sui problemi dei bambini afroamericani cresciuti in famiglie monoparentali, oppure sui figli di coppie gay, oltre che qualsiasi approfondimento sul Quoziente intellettivo.

La politica del complotto

Big Pharma, JP Morgan, Bilderberg, l’olio di palma, i frigoriferi, la trattativa, i vaccini. All’origine del grillismo, più che la post verità, c’è il complottismo. Come funziona la prevalenza del capro espiatorio sulle ideologie di governo

“La seconda grande minaccia che arriva dalla sinistra è la sua lunga tradizione di voler mischiare scienza e politica”. Mentre i liberali à la Hayek sono convinti che esperti ed organismi governativi soffrano della “presunzione fatale” di poter comprendere e governare il mondo intero, la sinistra non ha mai disdegnato l’ingegneria sociale. Così, pescando dalle ricerche sulla genetica e sull’allevamento degli animali portate avanti da università d’avanguardia, dagli anni Venti del ’900 l’eugenetica ha iniziato a muovere i primi passi, contribuendo (indirettamente) a scelte repressive come la politica del figlio unico in Cina. Derive politicizzate del confronto scientifico, secondo Tierney, sono rintracciabili anche nei dibattiti pubblici sulle biotecnologie applicate all’agricoltura, sul cambiamento climatico (visto che “la scienza climatica non fornisce giustificazione alcuna per l’agenda verde di Obama o di chiunque altro”) e sulla nutrizionistica. Un’iniezione di “scettico rigorismo” è quello che servirebbe all’accademia a trazione gauchista, accanto alla disponibilità a “dare il benvenuto ai conservatori e a tutti coloro che li aiuteranno a scoprire i propri tabù”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    26 Novembre 2016 - 15:03

    Quelli che non leggono il Foglio non sanno cosa si perdono. "Le riforme non sono gradite – L’andazzo conviene a tutti – Stato da rifare. Vignetta Vincino “Che fatica portare a votare il nonno costituzionale” Basta! Questa campagna per il SI o per il NO. Fa veramente schifo. Macché, ho riportato i titoli della prima pagina del “Foglio – 27/06/2006. (Prodi regnante)” NO allora, NO ora. NO, la parola più amata dagli italiani. Sempre e solo sul Foglio di oggi: “Il Quatar usa la cultura per esportare l’Islam in Europa. Un fiume di denaro senza fine per finanziare Università, moschee, libri, arte, tv.” Traduciamo: "Il 1789, Rousseau, i Lumi, Marx, il 1917, la Resistenza, tutta la splendida cultura greco-giudaico-cristiana, tutti gli ideali, spazzati via dallo sterco del diavolo. Però com'è buffo il mondo: Per fare guerra ne occorre tantissimo, per soddisfare i variopinti e inesauribili desideri umani in pace, ancora di più. "Magis quam gladius stercus diaboli caedit"

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    26 Novembre 2016 - 15:03

    Il fatto è che per diventare di sinistra devi nascere antropologicamente bigotto.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    26 Novembre 2016 - 10:10

    Sante parole. Diffidando delle mode pol cor, sono ancora incerto se fidarmi della teoria che vuole la cacca delle vacche all'origine degli tsunami oppure della minoranza di scienziati che dicono che l'attività solare c'entri in qualche modo. Va bene che questi ultimi sono di meno e non strillano, ma come si fa a non temere le storture del groupthink?

    Report

    Rispondi

Servizi