In America arriva il thanksgiving politicamente corretto

La festa del ringraziamento è troppo bianca, troppo cristiana, troppo sessualmente binaria. Ci ha pensato lo show di Jimmy Kimmel, che ne ha fatto una parodia dell’ideologia pol. corr. che impazza negli Stati Uniti

thanksgiving giorno del ringraziamento

Il primo giorno del ringraziamento, olio su tela di Jean Leon Gerome Ferris (1899)

Thanksgiving è la festa nazionale del ringraziamento, un fatto unico dell’America e unico delle democrazie laiche o, come appunto l’America, di religione non confessionale. Una festa religiosa, vissuta profondamente dai cittadini di tutte le fedi che prosperano spontanee nel paese, e al tempo stesso, questa festa è l’espressione dell’ottimismo e della ricchezza del paese. Ma Thanksgiving non è una festa particolarmente politicamente corretta. Troppo bianca, troppo cristiana, troppo sessualmente binaria. Ci ha pensato lo show di Jimmy Kimmel, che ne ha fatto una parodia dell’ideologia pol. corr. che impazza in America: “Questo non è il 1621, ma il 2016, così abbiamo pensato di attualizzare la storia di Thanksgiving per riflettere le sensibilità moderne”.

 



 

Lo show inizia così: “Luogo, Plymouth, Massachusetts. Anno: 1621, se scegli di credere nel culturalmente oppressivo calendario greco-romano”. Lo show ha deciso di aggiungere i nativi d’America, un po’ di ideologia gender e simili invenzioni pol corr. Il cibo è rigorosamente vegetariano. “Non mangiamo tacchino, non è moralmente giustificabile”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    23 Novembre 2016 - 18:06

    I read: tofurkey, non applaudire perchè i senza mani potrebbero "offendersi"....io credo che Kimmel "drinka" troppo Kummel. I

    Report

    Rispondi

Servizi