Per capire l'America di Trump c'è Hell or high water

Su Netflix un film applaudito a Cannes e pronto per gli Oscar. Racconta la storia di due fratelli, di un Texas ranger, e dell'americano medio bianco: povero, pieno di debiti e ostaggio delle banche

Per capire l'America di Trump c'è Hell or high water

Mentre ci si sta ancora chiedendo come abbia fatto Donald Trump a vincere le elezioni, su Netflix arriva un film che, pur non volendo, ci dà una risposta. Si intitola “Hell or high water”; a Cannes è stato tra i più apprezzati, e la critica d’oltreoceano non ha esitato quest’estate a metterlo già in lista tra i papabili all’Oscar (possibile? Possibile).

 

 

Se The Donald ha vinto, è (anche) perché l’America non è più quella di una volta, patria della libertà e del coraggio, e (pure) perché gli americani non si sentono più i salvatori del mondo. In “Hell or high water”, ennesima prova di David Mackenzie, sceneggiatura di Taylor Sheridan (lo stesso che ha firmato Sicario), siamo in Texas, i due protagonisti sono due fratelli, interpretati da Chris Pine e Ben Foster. Il primo, sempre stato buono e ligio al dovere e alla legge, chiede al secondo di aiutarlo, perché la banca, ora che è morta loro madre, vuole portargli via la casa (e il ranch). Il secondo, ex-galeotto, amante del rischio e del pericolo, cowboy e pazzoide, accetta. Dall’altra parte della barricata, uno che la legge deve farla rispettare anche non condividendola, un Texas ranger interpretato da un bravissimo Jeff Bridges: grasso, lento, vecchio, prossimo alla pensione e con un certo fiuto per le indagini. È lui a capire che i due fratelli non sono due bandidos qualunque (e che non sono nemmeno messicani, tra l’altro); e che se colpiscono le banche, hanno un motivo, una ragione, e non solo sete di danaro. Tutto si risolve nel più tipico degli inseguimenti, guardie contro ladri; il finale, però, non è il finale che ci si aspetterebbe. La storia prende un risvolto agrodolce, i buoni che diventano cattivi e i cattivi che, forse, non sono mai stati veramente malvagi.

 

 

“Make America great again”, dice(va) lo slogan di The Donald. La realtà è molto più complicata di così. “Hell or high water” è una fotografia piuttosto attendibile dello stato del Texas e degli americani che ci abitano; una messa a fuoco che inquadra perfettamente la miseria e il più grande nemico, oggi, del maschio bianco della classe media americana. Che non è né il nero, né la donna, né qualunque altro appartenente ad una minoranza. Ma le banche: sempre loro, sempre impunite, sempre assetate di soldi (e proprietà).

 

Il personaggio di Chris Pine, più di ogni altro, è l’identikit del buon americano che alla fine cede al male (e alla demagogia e allo slogan facile) e cambia idea: radicalizzandosi, diventando un estremista, combattendo per la propria famiglia e per sé stesso, “fuck!” tutto il resto.

 

“Hell or high water” è la prova, ennesima e comprovata, che il cinema migliore è quello che si ricorda che c’è una realtà oltre il grande schermo, e che prova a raccontare agli spettatori non solo una storia, ma soprattutto loro stessi: chi sono, come sono diventati quelli che sono, e qual è stato il motivo del loro cambiamento. Macchine, sparatorie (fa ridere una scena, in particolare: quando i due fratelli vengono braccati dagli abitanti di una cittadina, tutti armati fino ai denti) e sano dramma (Jeff Bridges straordinario). “Hell or high water” è su Netflix da ieri, e la cosa, a suo modo, è piuttosto significativa: un film così – così grande, così bello, così vero – non aveva trovato nessuna distribuzione, qui in Italia. Un fatto che ce la dice lunga sullo stato del cinema nostrano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi