Un Foglio internazionale

La vecchia Bbc è finita (e male)

In Inghilterra non si può più dire niente, scrive il Daily Telegraph
La vecchia Bbc è finita (e male)

(foto LaPresse)

Quando il comico della Bbc Frank Muir soprannominò Joan Bakewell “una donna che fa gola all’altro sesso” per via della sua partecipazione al programma della Bbc “Late Night Line-Up” dal 1964 al 1972, coniò un’etichetta che da allora è stata ripetutamente assegnata a attori e attrici considerati apprezzabili dal pubblico per la loro abilità nel recitare, la loro bellezza e la loro intelligenza. Tuttavia, Joan Backwell ritiene che questo tipo di soprannome non verrebbe mai più usato al giorno d’oggi. Infatti, in un articolo del Telegraph di Sarah Knapton, l’ottantatreenne Dama dell’Ordine dell’impero britannico si lamenta dell’eccessivo ricorso al politically correct che sta andando “fuori mano” e sta “limitando la libertà di espressione”.

 


Joan Bakewell (immagine di Youtube)


 

Secondo lei, un soprannome del genere sarebbe malvisto nella società ipersensibile in cui viviamo. “E’ stato un commento sciocco di Frank Muir, un amico, ma non pensate che la gente si sentirebbe offesa se fosse twittato al giorno d’oggi? Sono sicura che ci sarebbero parecchi problemi. Questi sono tempi molto strani. Devi essere molto molto attenta a quello che dici, non è vero?”. Nel corso della sua carriera, Bakewell ha lavorato per “Reports action” su Granada Television, “Newsnight” sulla Bbc, il programma sul primo ministro di Radio 4 e “Heart of the Matter”, oltre che a presentare e narrare numerosi documentari. In questo periodo sta presentando il programma “Landscape Artist of the Year” in onda su Sky Arts. La sua lunga presenza sugli schermi televisivi l’ha resa suscettibile alle costrizioni sulla libertà di espressione.

 

Nonostante riconosca che, “ci sono leggi in vigore che impediscono alla gente di propagare odio razzista”, nota con sofferenza come “queste abbiano dato vita a tutta una serie di comportamenti che non puoi rischiare di offendere con quello che dici. Non puoi offendere nessuno del gruppo dei gay, delle lesbiche o dei trans; non puoi offendere gli ebrei, le persone grasse o le persone magre. I crimini d’odio hanno lasciato il passo ai crimini d’offesa, e, onestamente, di volta in volta è necessario offendere qualcuno, e chiunque dovrebbe avere la libertà di farlo. Sta sfuggendo un po’ tutto di mano”. A questo si è aggiunto il declino della Bbc, che secondo lei sta “cambiando al di là di ogni riconoscibilità”, rischiando di rimanere “esposta dal suo fallimento di commissionare programmi artistici che siano popolari”. “La vecchia Bbc è finita”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi