Hieronymus Bosch a Guantanamo

L’anniversario del grande pittore usato per meschini fini ideologici
Hieronymus Bosch a Guantanamo

Dopo aver conosciuto la fama tra i contemporanei (ne parlò, ammiratissimo, anche Guicciardini), e dopo un oblio di cinque secoli, Hieronymus Bosch gode ora dei più disparati favori della moda. Oggi ricorrono i 500 anni dalla morte. Di Bosch si sono impadroniti il surrealismo, la psicoanalisi, e forse ancor più il gusto del demoniaco che imperversa. Scrive Ulrike Knöfel sullo Spiegel: “Hieronymus Bosch, il grande pittore olandese le cui immagini raffigurano gli orrori e il terrore del passato, presente e futuro, è morto cinquecento anni fa. Nell’èra di Abu Ghraib, di Guantanamo e dello Stato islamico, il suo lavoro è sentito come contemporaneo”. Bosch ha creato labirinti di atrocità, ha raffigurato diavoli e mostri, persone torturate. Ma accostare la prigione per terroristi di Guantanamo, o l’abuso isolato e condannato di alcuni prigionieri nel carcere di Abu Ghraib, alle fosse comuni dello Stato islamico è un’operazione meschina e di basso livello.

 

Tuttavia è un tic ideologico comune a tanti critici culturali contemporanei. C’è qualcosa di grottesco nell’equiparazione fangosa tra la violenza sistematica dei regimi dittatoriali e gli episodi illegali di crudeltà nelle prigioni irachene, fra Saddam Hussein e Abu Ghraib ieri, fra le gabbie dell’Isis e le celle di Guantanamo oggi. E’ così che gli assassini islamici nell’opinione pubblica italiana la fanno franca, che nessuno si occupa di loro, perché è troppa l’urgenza di definirci tra noi, di addebitare qualcosa a qualcuno nel conto aperto dal grottesco dibattito sulla guerra civile permanente. Con il risultato della cancellazione in effigie del nemico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi