Come leggere il mondo

Da Boris Johnson a Angela Merkel. Da Matteo Renzi a Silvio Berlusconi. Indispensabili consigli di lettura per le ferie estive di dieci politici potenti
Come leggere il mondo

Per Matteo Renzi


Pere Goriot

di Honoré De Balzac

 

 

“Rimasto solo, Rastignac fece qualche passo verso la parte alta del cimitero da dove vide Parigi adagiata lungo le rive della Senna che cominciavano a sfavillare di luci. Gettò su quell’alveare ronzante uno sguardo, pronunciando queste parole: ‘E ora, a noi due!’”. Siamo al finale di “Père Goriot”. Il provinciale Eugène de Rastignac, arrivato a Parigi per studiare legge, farà un bel po’ di strada in politica, negli altri romanzi della “Comédie humaine” balzachiana (la saga funziona come la vita, i personaggi entrano e escono). All’inizio aveva fatto qualche errore, ignorando le usanze dei salotti e della tribù, ricavandone più nemici del necessario. Nel paese dei comitati, dei gruppi di studio, delle commissioni di inchiesta, della concertazione, delle larghe e larghissime intese, “E ora, a noi due!” sono parole che si ascoltano volentieri. Matteo Renzi – come Rastignac – pare l’unico a conoscerle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi