Gli intellettuali hanno rotto, anche per la satira sociale di Corrado Guzzanti

Il paese reale contro il paese delle parole. Mario Bambea, intellettuale, contro Bizio, cabarettista e comico “de core”. In Dov’è Mario?, la nuova mini-serie del comico in onda dal 25 maggio su Sky Atlantic, ironia e volgarità raccontano la doppia Italia (che poi è una sola).
Gli intellettuali hanno rotto, anche per la satira sociale di Corrado Guzzanti

Preparatevi a leggere celebrazioni senza quartiere, critiche e stroncature appassionate; preparatevi a sentir dire che Corrado Guzzanti non è più lo stesso Guzzanti e, contemporaneamente, che meglio di lui non c'è nessuno. Dov'è Mario?, la sua nuova mini-serie per Sky Atlantic, rappresenta una sintesi perfetta della sua comicità. Dice: non c'è satira politica. Vero. Ma c'è quella sociale, ben più difficile. Non serve fare l’elenco della sua carriera e di tutto quello che ha fatto; per quello, c’è Wikipedia.

 

Il protagonista di Dov’è Mario? è Mario Bambea, intellettuale italiano che tra salotti tv e saggi da libreria è sempre pronto a snocciolare concetti altissimi e definizioni d'altri tempi. Ha un incidente d'auto, a un certo punto. Non sappiamo come e perché. E dal nulla, viene fuori un altro aspetto del suo carattere, uno più basso ed appassionato, quello che odia tutto ciò che è sempre stato: l'italiano medio, romanesco, "de core". Inizia a vivere una doppia vita: intellettuale (e cornuto e fesso) di giorno, cabarettista (e cafone e sincero) di notte.

 

Le prime due puntate, ciascuna di mezz'ora, sono così. Un avanti e indietro continuo, battute sottili alternate sapientemente a battute volgari (non stupide, però). C'è tutto il dualismo paradossale che l'Italia di questi anni sta vivendo, ovvero: da una parte c'è la ricerca costante di una vita, una democrazia e una politica migliori (ma solo a parole); dall'altra, c'è la quotidianità che non accetta il compromesso diplomatico dell'intellettuale. “I cojoni ce l’hanno piallati”, diceva Guzzanti mascherato da Funari.

 

Per qualcuno, Dov'è Mario? ricorda la metamorfosi di Maccio Capatonda, riuscita solo a metà, di Italiano Medio. E quindi: cosa già vista e rivista, niente di nuovo sotto il sole. C'è da dire però che quella di Capatonda era un'analisi, in un certo senso, superficiale. Guzzanti va molto più a fondo: pizzica corde sensibilissime. Al suo show, partecipano grandi e meno grandi del giornalismo e della tv (politica ed intellettuale) italiani: ci sono, per esempio, Santoro e Travaglio; e c'è pure Enrico Mentana, che dal suo studio di TG La7 dà la notizia dell'incidente del buon Bambea.

 

 

Bizio, così si chiama l'alter-ego dell'intellettuale, non è un Mr Hyde italiano: non c'è pozione o meccanismo che lo tiri fuori; non è l'assassino, il mostro, che finalmente prende il sopravvento sull'uomo. È, al contrario, una parte del tutto. Una delle facce della medaglia. Due concetti che sembrano simili ma sono al contrario lontanissimi.

 

Bambea e Bizio sono la stessa persona e ci dicono, più o meno, la stessa cosa, e cioè: l'intellettualismo a tutti i costi ha rotto; così come ha rotto la superficialità eccessiva di chi non vuol pensare, o soffrire.

 

Dov’è Mario?, per il suo linguaggio, per i modi, il montaggio e la regia (di Edoardo Gabbriellini), per i tanti volti che compaiono e scompaiono, per le situazioni non così tanto macchiettistiche che si alternano, arriva dove altri prodotti – serie, monologhi, film – non sono riusciti nemmeno ad avvicinarsi; e il merito è del Guzzanti scrittore (qui affiancato da Mattia Torre) e, allo stesso tempo, del Guzzanti attore. Se una volta veniva facile criticare il politico, “mostro senza cuore e senz’anima”, oggi viene dato per assunto, invece, che “gli eletti sono lo specchio degli elettori”. Quello che manca è una cosa e una soltanto, e Dov’è Mario? è chiarissimo in questo senso: del mondo reale non si parla più; l’Italia, come diceva Montanelli citando Ugo Ojetti, “è un paese di contemporanei. Un paese assolutamente ignaro di se stesso”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi