E' morta Zaha Hadid, genio eccentrico e intransigente

Nata in Iraq, divenuta architetto a Beirut, era stata la prima donna a ottenere il Premio Pritzker nel 2004 e la medaglia d’oro del Royal Insitute of British Architects nel 2016. In Italia progettò il Maxxi di Roma.
E' morta Zaha Hadid, genio eccentrico e intransigente

Zaha Hadid, uno dei più grandi architetti di fama mondiale, si è spenta ieri, a 65 anni,dopo essere stata ricoverata al Miami Hospital (foto LaPresse)

Zaha Hadid, uno dei più grandi architetti di fama mondiale, si è spenta ieri, a 65 anni, dopo essere stata ricoverata al Miami Hospital per un attacco di cuore. 

 

Nata in Iraq, aveva studiato a Beirut per poi trasferirsi a Londra. È stata la prima donna a ottenere il Premio Pritzker nel 2004 e la medaglia d’oro del Royal Insitute of British Architects nel 2016.  Nel 2008 la rivista Forbes l’ha classificata tra le 100 donne più potenti del mondo. Oltre ad altri prestigiosi riconoscimenti, nel 2013 il suo studio, che conta 246 architetti, si è collocato al quarantacinquesimo posto dei più importanti studi di architettura del globo, secondo BD Insurance Bureau.

 

Conosciuta in tutto il mondo per le sue opere, da Hong Kong, alla Germania all’Azerbaijan, in Italia la ricorderemo soprattutto per il Maxxi di Roma, il Museo Nazionale delle arti del XXI secolo. E proprio a proposito della realizzazione del Maxxi, Sandro Fusina sul Foglio aveva tracciato un breve ritratto di Hadid, descritta come un architetto "esuberante", sebbene dal carattere difficile.

 

Zaha Hadid non è solo una delle pochissime donne architetto ad avere firmato grandi progetti e vinto importantissimi concorsi internazionali. E’ anche l’unica ad avere vinto il premio Pritzker, considerato il Nobel dell’architettura. Se ci si immagina l’architetto donna sul cantiere in comodi abiti maschili, non ci si può fare un’idea di Zaha Hadid, che invece preferisce anche sui cantieri fare ondeggiare la lunga chioma nera su tacchi definiti da chi l’ha vista al lavoro vertiginosi.

La professoressa Hadid (classe 1950) è nata e ha passato l’infanzia in Iraq, in una famiglia di ricchi intellettuali, quando Baghdad, non ancora conquistata dal partito Baath, si proponeva come esempio, seguito con interesse dall’occidente, di evoluzione democratica e di modernizzazione sociale per il vicino e medio oriente. Ha studiato in collegi esclusivi in patria e in Svizzera, si è laureata in architettura all’Università americana di Beirut, ha studiato architettura a Londra. A Londra ha lavorato con i suoi maestri Rem Koolhaas ed Elia Zenghelis, per avviare poi una sua practice, un suo studio. Ha insegnato ad Harvard sulla cattedra che era stata di Kenzo Tange, a Chicago sulla cattedra intitolata a Louis Sullivan, il padre riconosciuto dell’architettura moderna.

Ha guadagnato premi e fama come architetto di interni, ha prestato la sua inventiva al disegno di moda, in particolare ha disegnato eccentriche scarpe da donna, in polivinilcloruro, senza tacco, con tacco basso, medio, alto, altissimo, per la tradizionalista Lacoste e la futurista Melissa, brasiliana. I suoi progetti realizzati in giro per il mondo sono ormai numerosi, ma forse non sono ancora altrettanto numerosi di quelli non realizzati, che hanno finito per incepparsi, per essere protestati. La sua intransigenza con collaboratori, esecutori e committenti è diventata proverbiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi