Un minuto di silenzio per chi a MasterChef presenta il "crumble di gallina croccante"

L’ultima doppia puntata di MasterChef insegna che è meglio stare lontani dal simpatico comandante della motonave Stradivari, a non proprio un fenomeno nel calcolare la profondità dei fondali del Po e la distanza tra argini e isolotti sparsi qua e là lungo il fiume. Tra crepes flambate e pasticci di luccio, abbiamo visto di meglio.
Mahatma
Un minuto di silenzio per chi a MasterChef presenta il "crumble di gallina croccante"

L'eleganza di Lucia nell'assaggiare la sua crepe flambata (foto Sky)

L’ultima doppia puntata di MasterChef insegna che è meglio stare lontani dal simpatico comandante della motonave Stradivari, a non proprio un fenomeno nel calcolare la profondità dei fondali del Po e la distanza tra argini e isolotti sparsi qua e là lungo il fiume. Vedere Bastianich costretto a usare una specie d’arpione per allontanare la prua dagli arbusti dove era andata a infilarsi l'imbarcazione, non ha fatto bene alla categoria dei lupi di fiume nostrani. Ma la prova in esterna di Guastalla ha anche insegnato che sì può osare fin che si vuole, si può fare filosofia e teologia (sic!) anche sui piatti, tentando di mescolare persino Pelagio e Sant’Agostino con una rana pescatrice lardellata, ma a tutto c’è un limite: Giovanni, insomma, convinto “che i giudici si aspettino molto da me”, ha voluto fare il figo mescolando melone e cozze, e ha toppato. Non tanto per l’antipasto (pardon, l’entrée) che ha convinto i più sofisticati “tra i produttori della valle del Po” (forse perché non avevano il coraggio di vomitare sulla tovaglia bianca), quanto per il risotto con le rane e gli asparagi. Di questa prova, con cuochi amatoriali presuntuosi e velenosi (ormai una costante) che non hanno ritegno nel proporre a venticinque perfetti sconosciuti un “crumble di gallina croccante”, rimarrà comunque ben poco.

 

Come – e va detto – ben poco rimarrà nella memoria di questa puntata. Non un granché, ma era scontato. Ogni anno succede così: dopo il massacro by Iginio Massari, c’è il giovedì della decantazione. Una specie di rilassamento post coito, per fare un paragone fisiologico. L’Invention test non ha detto niente di nuovo: prova già vista, con il lavoro in coppia, anche se non facile e dagli emozionanti rimandi storici (il pasticcio di luccio che piaceva tanto ai Gonzaga, dice Cracco).

 

[**Video_box_2**]Laura, al sesto “si può fare” consecutivo dopo aver sentito quel che si doveva cucinare, è uscita. Fatale fu la crepe dolce flambata, che Lucia – il cui motto ufficiale sul sito della trasmissione è “Resistenza” e detesta la finta buona Alida con tutta se stessa, assai ricambiata – ha fatto meglio. Niente di che, tanto che Cannavacciuolo è sbottato: “Mi fate sto cazzo di piatti?” e Joe ha cassato "la frittata di frutta" della sfortunata Laura come solo lui sa fare. Sono rimasti in dieci e, va detto, grandi ingiustizie da parte dei giudici non se ne sono ancora viste. A parte una, che ormai è un mistero gaudioso: Sylvie, che voleva far bollire le lumache un’ora, è ancora dentro. Vedremo fino a quando. L'odio della pletora di grembiulati, comunque, punta un altro bersaglio: Maradona, che però (a differenza di tanti altri lì dentro) è un furbacchione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi