La grande illusione femminista

“Sono isteriche sull’occidente, inventano complotti esotici ma restano in silenzio su Colonia e l’islam”. A colloquio con due paladine dei diritti rosa, l’americana Hoff Sommers e l’iraniana esule a Parigi, Chahla Chafiq.
La grande illusione femminista
Roma. “Troppe femministe sono così assorbite nel loro melodramma fabbricato ad arte da non poter aiutare le donne a liberarsi da una vera oppressione e da non aver visto quanto succedeva a Colonia”. Quando nel 1994 Christina Hoff Sommers pubblicò il bestseller “Who stole feminism?” (sottotitolo “Come le donne hanno tradito le donne”), l’allora professoressa di Filosofia della Clark University aveva in mente lo stereotipo rosa alla Gloria Steinem, non certo l’afasia delle sue epigone su Colonia, lo stupro multikulti...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi