“Il multiculti è la nemesi dell’Europa”

E’ difficile riassumere la vita di Noah Klieger. Il padre, giornalista e scrittore, previde che Hitler avrebbe preso il potere, così decise di portare la famiglia da Strasburgo in Belgio, illudendosi che sarebbe rimasto neutrale.
“Il multiculti è la nemesi dell’Europa”

Noah Klieger

Roma. E’ difficile riassumere la vita di Noah Klieger. Il padre, giornalista e scrittore, previde che Hitler avrebbe preso il potere, così decise di portare la famiglia da Strasburgo in Belgio, illudendosi che sarebbe rimasto neutrale. Dopo l’occupazione nazista, Noah entrò nella Resistenza, ma nel 1943 venne catturato e deportato ad Auschwitz. Quel ragazzo ebreo di sedici anni finì a Monowitz a lavorare con Primo Levi alla fabbrica chimica. Scampato alle camere a gas e alle “marce della morte”, Klieger venne liberato dall’Armata rossa nel 1945 nel lager di Ravensbrück. Poi entrò nel Mossad Aliya Bet, il precursore del Mossad, il servizio segreto israeliano, dove Klieger era incaricato di far uscire illegalmente dall’Europa gli ebrei e condurli in Israele, che ancora non esisteva. Klieger oggi è uno dei maggiori giornalisti israeliani, icona con il numero di Auschwitz tatuato sul braccio. Alcuni giorni fa, sul maggiore quotidiano ebraico Yedioth Ahronoth, Klieger ha scritto che l’esodo di migranti, se non controllato, segna la fine dell’Europa così come la conosciamo.

 

Non si contano i commentatori che paragonano le sofferenze dei migranti alla Shoah. “Sono paragoni ridicoli”, dice Klieger al Foglio. “Noi ebrei siamo stati mandati nei campi di sterminio, mentre i migranti sono accolti dai paesi avanzati e civilizzati”. E’ pessimista sul futuro dell’Europa: “Perché sono convinto che questa immigrazione di massa di milioni di cosiddetti ‘rifugiati’, in gran parte musulmani, condurrà alla catastrofe, perché gran parte di loro non vuole integrarsi e la Germania non è in grado di farlo. Masse di persone cercano un luogo pacifico dove vivere, ma migliaia di fanatici stanno entrando nei paesi europei, minacciando il futuro del Vecchio continente. Quando, trentacinque anni fa, la Germania ‘importò’ decine di migliaia di turchi come forza lavoro, interi quartieri come Kreuzberg e Neukölln a Berlino divennero subito ghetti islamici. Il mio sentimento negativo è sul futuro dell’Europa ‘classica’. Perché come sopravvissuto dei campi di sterminio nazisti mi sarei aspettato un’Europa meno naïf”.

 

[**Video_box_2**]Lo stesso è avvenuto in Francia con l’immigrazione dal Maghreb. “A Parigi ci sono quartieri dove persino il Csr, le temute unità di sicurezza, non mette piede”, dice al Foglio Noah Klieger. “Forse le autorità europee speravano che semplicemente il problema sarebbe svanito da solo. Ovviamente non è stato così ma è diventato sempre più grande”. Come spiegarsi questa cecità europea sull’islamismo? “Perché il suo motto è sempre stato ‘non è un nostro problema’ quando si verificavano gli attacchi terroristici. Avrebbero dovuto capirlo quando i palestinesi dirottavano gli aerei di linea. Grazie a quei gesti, tutti i paesi del mondo hanno installato sofisticati sistemi di sicurezza negli aeroporti. Gran parte dei passeggeri ancora oggi non si rende neppure conto perché viene infastidito quando sale in un aereo. Se Europa e Stati Uniti avessero davvero reagito oggi non ci sarebbero Stato islamico, al Qaida, Hezbollah, Hamas. Ma nessuno ha fatto nulla. Quando le potenze mondiali si renderanno conto che l’Isis e gli altri radicali gruppi terroristici islamici non stanno combattendo contro Israele, contro l’occupazione o contro gli insediamenti? Quanto tempo ci vorrà ai leader del mondo libero per rendersi conto che le stragi in Tunisia e Francia sono dirette contro il cristianesimo e le fazioni musulmane che non sono d’accordo con i sostenitori dell’islam radicale? Invece premiano il finanziatore principale del terrorismo islamico, l’Iran. Se in Siria l’occidente avesse spedito grandi contingenti militari avrebbe fermato in tempo tutto questo”.
Intanto, l’antisemitismo rialza la testa come mai prima dal 1945 a oggi. “E’ una vecchia tradizione e nessuno è mai riuscito a spiegare da dove nasca. In Europa l’antisemitismo è cresciuto con l’‘arrivo’ degli immigrati musulmani. E badi bene, non c’è alcun antisraelismo o antisionismo. E’ puro antisemitismo. I fanatici non gridano ‘uccidi gli israeliani’, ma itbach al yahud, ‘uccidi l’ebreo’”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi