Il testo della legge elettorale e il blocco di WhatsApp in Cina. Le notizie del giorno in breve

Tutto quello che è successo martedì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni 

Il testo della legge elettorale e il blocco di WhatsApp in Cina. Le notizie del giorno in breve

LaPresse/Reuters

DALL'ITALIA

  

Alleanza popolare ribadisce la sua opposizione allo ius soli perché “una cosa giusta, fatta in un momento sbagliato, diventa una cosa sbagliata, oltreché un regalo alla Lega”. Lo ha dichiarato il ministro Alfano al termine della direzione di Ap che ha nominato Maurizio Lupi nuovo coordinatore nazionale del partito. 


Governo e maggioranza vengono battuti al Senato, in commissione Difesa, dove gli esponenti di Mdp si sono schierati con l’opposizione sul voto che ha di fatto soppresso l’articolo 9 della delega per la revisione del modello professionale delle Forze dell’ordine.


Il “Rosatellum bis” sarà il testo base che la commissione Affari costituzionali della Camera adotterà da domani nella discussione sulla legge elettorale. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo, malgrado l’opposizione di M5s e Mdp.


Le vaccinazioni sono già obbligatorie negli asili, sin dall’anno scolastico in corso. Lo ha stabilito il Consiglio di stato, in risposta al quesito presentato dalla regione Veneto.


Borsa di Milano. Ftse-Mib +0,18 per cento. Differenziale Btp-Bund a 176 punti. L’euro chiude in calo a 1,18 sul dollaro.

  

DAL MONDO 

  

Fallisce ancora l’azione per ribaltare l’Obamacare. I repubblicani americani hanno dichiarato di non avere i voti sufficienti per votare contro la legge sulla sanità della precedente amministrazione. Il presidente Trump aveva chiesto unità per ribaltare la legge.


Si allarga il mailgate alla Casa Bianca. Oltre a Kushner sarebbero implicati altri membri dello staff di Trump, inclusi la figlia Ivanka e Steve Bannon.


In Iraq vince il sì con il 93 per cento dei votanti a favore dell’indipendenza del Kurdistan iracheno. Il premier Abadi, durante un discorso televisivo ha commentato: “Non rinunceremo all’unità”.


Frauke Petry lascia l’AfD, e rinuncia al ruolo di capogruppo nel Landtag della Sassonia. Nei piani dell’ex leader del partito nazionalista tedesco piani potrebbe esserci la creazione di un nuovo movimento. Parole di rassicurazione sulle trattative di governo da parte del presidente tedesco Steinmeier.


Bruxelles valuterà l’unione tra Essilor e Luxottica. La Commissione europea teme che l’operazione di 46 miliardi di euro possa ridurre la concorrenza sul mercato delle lenti, violando il regolamento Ue sulle concentrazioni.


La Cina ha bloccato WhatsApp. Pechino ha deciso di consentire solo l'uso di applicazioni per messaggi che possono essere intercettate dal governo, come Wechat.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi